ASP e Ospedali

Il fegato

Ospedale di Ragusa, prelievo di organo da un anziano di 86 anni

Dall'Asp "cordoglio, vicinanza e gratitudine nei confronti della famiglia, che in un momento così doloroso ha avuto la forza di pensare agli altri".

Tempo di lettura: 2 minuti

Un prelievo d’organo, reso straordinario dall’età del donatore, è stato eseguito nei giorni scorsi all’ospedale “Giovanni Paolo II” di Ragusa. Un “grande anziano”, deceduto all’età di 86 anni, ha donato il fegato e permesso a un giovane ricevente di continuare a vivere. Il Commissario straordinario dell’ASP, Giuseppe Drago, ha espresso, a nome dell’Azienda, “cordoglio, vicinanza e gratitudine nei confronti della famiglia, che in un momento così intimo e doloroso ha avuto la forza di pensare agli altri. Desidero, inoltre, esprimere un ringraziamento speciale nei confronti di tutti gli operatori dell’ospedale che hanno contribuito alla donazione, un evento per il quale, notoriamente, si mette in moto un’organizzazione enorme”.

La dottoressa Francesca Corsaro, coordinatore locale dell’ASP di Ragusa per i trapianti, sottolinea che «nella nostra provincia cresce sempre di più la sensibilità al tema della donazione. Nell’ambito del progetto aziendale “Conoscere per donare”, che vuole promuovere e sostenere la cultura della donazione degli organi in base al principio che solo la conoscenza porta a scelte consapevoli, stiamo facendo incontri presso le scuole di tutta la provincia con l’obiettivo di mettere in risalto, tramite gli addetti ai lavori, l’importanza che la donazione degli organi riveste per l’intera comunità e stimolare al contempo una consapevolezza partecipata che possa sostenere gli studenti/cittadini nella maturazione delle riflessioni sull’alto valore civico e morale di un gesto così nobile ed indefettibile».

Riguardo al prelievo effettuato al “Giovanni Paolo II”, un elemento di grande interesse è rappresentato dall’età del donatore. «Non esistono più limiti di età per la donazione- dice la dottoressa Corsaro- Oggi siamo in grado di utilizzare organi che fino a qualche anno fa non sarebbero mai stati prelevati. Tutto questo grazie all’introduzione di tecniche fortemente innovative. Ciò è di grande speranza per i pazienti in attesa e le loro famiglie. Un’altra circostanza che dà particolare significato a quest’ultima procedura è che la quasi totalità del personale sanitario che ha gestito con grande amorevolezza e tenacia il donatore era formato da donne, compresi i due chirurghi dell’Ismett. Si tratta di un grande passo della nostra piccola e generosa provincia verso l’eccellenza e ancora una volta rimarca la centralità della donna nella sua chiamata ancestrale a perpetuare la vita rinnovandola attraverso la difesa e il presidio della speranza».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche