covid hospital petralia

«Ospedale di Petralia Sottana, lunghe attese per sottoporsi alle radiografie»

28 Febbraio 2016

L'appello di un paziente: «Il servizio dovrebbe essere potenziato, dedicandogli più ore quotidiane».

 

di

PALERMO. Il servizio di radiologia all’Ospedale di Petralia Sottana dovrebbe essere potenziato. È l’appello di un paziente che ha inviato una lettera alla nostra redazione. Eccola qui giù:

Spett.le Redazione,

«Volevamo rappresentarvi una situazione che riguarda il reparto di radiologia di Petralia Sottana. Il personale preposto a quel reparto è composto attualmente da 3 medici e 6 tecnici radiologi e con un così discreto numero di personale, riescono solamente a garantire giornalmente per 5 giorni la settimana solo 6 esami radiografici giornalieri, con orari di solo 2 ore, dalle 9.00 alle 11.00 e per tre giorni la settimana pomeridiani per 1 ora. Considerate che se una persona ha necessità, in base alla sue esigenze, di fare solamente lui 6 esami, per tutti gli altri pazienti non vi è possibilità alcuna di fare radiografie per quel giorno, con un interminabile allungamento della lista di attesa».

«Giova precisare che il tempo per la radiografie previste nel Tempario SUMAI è di 15 minuti per alcune radiografie fino a un massimo 19 minuti per le più articolate. Diverse strutture ospedaliere hanno deciso che ogni radiografia deve durare al massimo 10 minuti dando così la possibilità di poter fare più radiografie a più persone».

«Nel tempo calcolato (15 o 19 minuti) sono inclusi anche lo svestirsi dei pazienti e il tempo necessario per scrivere il referto da parte del medico, cosa che non è rispettata dall’ospedale dato che i medici non rilasciano i referti subito dopo la radiografia ma a distanza di giorni, pertanto questo tempo è sottratto ad altri esami».

«Vogliamo rappresentarvi questa situazione al fine di migliorare il servizio. Gli organi preposti, ad esempio, potrebbero stabilire di ampliare le ore giornaliere di radiografie migliorando un servizio utile risparmiando così a tanti pazienti il ricorso a strutture private a pagamento».

(lettera firmata)

TAG PER QUESTO ARTICOLO:

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV