ASP e Ospedali

La protesta

Ospedale di Milazzo, la Cisl Fp Messina: «Pronto soccorso al collasso»

Il sindacato denuncia sovraccarico di lavoro e ore di attesa per ricevere assistenza e sollecita un potenziamento da Barcellona.

Tempo di lettura: 3 minuti

La Cisl Fp Messina torna ad accendere i riflettori sul Pronto Soccorso dell’ospedale di Milazzo. «Non comprendiamo- spiega la Segretaria Generale Giovanna Bicchieri– quale possa essere la ratio nel lasciare una moltitudine di infermieri esperti in emergenza urgenza del Pronto Soccorso di Barcellona, ormai chiuso da mesi, nei reparti dello stesso ospedale, dove di recente sono arrivati gli infermieri vincitori di mobilità interna che dovranno essere destinati alla unità operativa di Riabilitazione».

«È impensabile ed ingiustificabile che mentre gli operatori della struttura di Milazzo stanno scoppiando a causa del sovraccarico di lavoro e la cittadinanza aspetta ore per ricevere assistenza per il numero elevato di accessi, a Barcellona vi sia personale altamente specializzato che solo occasionalmente riceve qualche disposizione di servizio. La gestione del personale di Palazzo Geraci- prosegue la Bicchieri- ci ha sempre lasciato forti perplessità, soprattutto quando come nel caso specifico, si è pensato bene di collocare gli infermieri neostabilizzati del pronto soccorso del Fogliani in altre sedi, dopo che da anni era stato formato per affrontare le situazioni gravi di primo intervento ed il CoVid. Adesso al pronto soccorso di Milazzo a fronte di una dotazione organica che prevede 30 infermieri ve ne sono in servizio soltanto 23 di cui un coordinatore e cinque assenti a vario titolo. Su queste scelte per noi discutibili chiederemo l’intervento degli organi istituzionali a tutela dei lavoratori e del diritto alla salute dei cittadini».

«L’esperienza maturata nei reparti di emergenza urgenza- precisa la Bicchieri- non può e non deve essere dispersa men che mai adesso che il CoVid sembra volere tornare a bussare alle nostre porte. Oggi il pronto soccorso di Milazzo rappresenta l’unico servizio di emergenza urgenza di un territorio vastissimo. Reputiamo tale situazione intollerabile, ancor più perché, pur segnalando la situazione da mesi, ad ora non abbiamo ricevuto il debito riscontro alle nostre numerose note e richieste. Perciò non faremo sconti e siamo pronti alla protesta se la situazione non verrà risolta nei prossimi giorni».

«Ci chiediamo- conclude la Bicchieri, insieme al responsabile del dipartimento sanità Nerina Mostaccio e al segretario aziendale ASP Daniele Pagana– quale sia la reale motivazione per la quale l’Asp non stia ancora provvedendo ad effettuare ordini di servizio al personale infermieristico del Pronto Soccorso di Barcellona, già formato per lavorare in emergenza urgenza, almeno fino a quando la struttura non sarà riaperta. Ci aspettiamo soluzioni rapide, in caso contrario indiremo l’assemblea dei lavoratori propedeutica allo stato di agitazione del personale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche