ospedale umberto I paziente arresto cardiaco ecografo stanza relax malattie infermieri

Ospedale di Enna, lettera di ringraziamento per il reparto di Urologia

25 Novembre 2019

Un paziente elogia il direttore ff Giovanni Bologna e l'intera equipe per l'assistenza ricevuta durante il ricovero.

 

di

ENNA. Un cittadino della provincia ennese, di cui forniamo le iniziali, N.S., ringrazia pubblicamente Giovanni Bologna, direttore ff e l’intera equipe del reparto di Urologia dell’Ospedale Umberto I di Enna, per l’assistenza ricevuta durante il ricovero.

ECCO LA LETTERA

“Egregio Dott. Bologna, le scrivo spinto da un sincero sentimento di gratitudine. In un momento in cui troppo spesso si sente parlare di malasanità in Italia in generale e nella nostra cara Sicilia in particolare, ho potuto costatare personalmente la professionalità del personale tutto dell’unita operativa da lei diretto. Quando dico tutto, intendo ovviamente riferirmi sia al personale medico e paramedico. Come ricorderà , sono stato sottoposto a un intervento per la resezione di neo formazione vescicale”.

“Le indiscusse capacità professionali, la facile accessibilità nei rapporti con il personale medico e infermieristico, la pazienza e la disponibilità nel fornire informazioni, l’ampio spirito di collaborazione, il calore umano che si respira nel Reparto, hanno reso meno pesante la mia permanenza in Ospedale”.

“È certamente motivo di speranza e di soddisfazione rilevare come, tra le infinite difficoltà in cui si dibatte la Sanità, in particolare nel Meridione, … ci sia Personale che continua a credere nella propria difficile missione dando non solo aiuto fisico ma anche sostegno psicologico e morale”.

“Auspico un’ulteriore attenzione da parte della Direzione Aziendale alla implementazione delle risorse tecnico-sanitarie da destinare all’Unità Operativa Complessa di Urologia al fine di valorizzare al massimo le professionalità presenti e offrire all’utenza metodologie sempre più avanzate ed efficaci”.

“Desidero, infine, esprimere la mia gratitudine e quella della mia famiglia a tutti coloro che hanno partecipato all’intervento, Anestesisti compresi, e a quanti hanno contribuito a rendere più facile la mia degenza”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV