Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Nonostante il Coronavirus

Ospedale di Enna, 2020 da record per il reparto di Otorinolaringoiatria

Sono state realizzate, in piena pandemia, 223 operazioni chirurgiche a fronte delle 132 eseguite nell'anno precedente.

Tempo di lettura: 2 minuti

ENNA. Per l’Unità Operativa Complessa di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale “Umberto I” di Enna, il 2020 segna un aumento generalizzato del numero dei casi trattati e della loro complessità. Sono state realizzate nell’anno in corso, in piena pandemia, ben 223 operazioni chirurgiche nella branca dell’Otorinolaringoiatria a fronte delle 132 eseguite nell’anno precedente.

Il risultato ragguardevole di un anno di attività dell’Unità Operativa Complessa di Otorino non è però solo quantitativo. “Nel corso del 2020, sono state effettuate delicate e importanti operazioni chirurgiche- sottolinea il dott. Salvo Maira, che guida il reparto di Otorinolaringoiatria- Abbiamo eseguito operazioni di varia e complessa tipologia,  a partire dall’endoscopia nasale e assicurando prestazioni altamente qualificate come la chirurgia oncologica del collo, la chirurgia dell’orecchio, la ricostruzione del timpano. Con i medici del reparto, coadiuvati dal personale del blocco operatorio, sono stati eseguiti, tra gli altri, interventi di ricostruzione come miringoplastiche e timpanoplastiche, perfettamente riusciti senza complicazioni»-

«Le patologie infiammatorie croniche dell’orecchio per le quali è necessario eseguire un intervento chirurgico di ricostruzione sono molto frequenti nella popolazione e rappresentano una delle principali cause di migrazione sanitaria intra ed extraregionale con elevati disagi per i pazienti. La gamma delle nostre prestazioni è stata quindi ampliata e diversificata- continua Maira- con l’aumento quantitativo degli interventi e qualitativo della professionalità dell’intera equipe, anche in un periodo così complesso come quello che stiamo vivendo a causa dell’epidemia COVID, che però non ha bloccato le nostre attività, condotte in piena sicurezza per pazienti e operatori».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati