BEST IN SANITAS

Candidati entro il 30 Giugno 2022

Clicca qui
Corleone memoria

ASP e Ospedali

La vertenza

Ospedale di Corleone, stato di agitazione per la carenza di medici

A proclamarlo la Cgil Palermo e la Fp Cgil Palermo che, in una nota inviata ai vertici dell'Asp annunciano la ripresa della mobilitazione.

Tempo di lettura: 3 minuti

Stato di agitazione del personale dell’ospedale di “Dei Bianchi” di Corleone. A proclamarlo la Cgil Palermo e la Fp Cgil Palermo che, in una nota inviata oggi ai vertici dell’Asp, annunciano la ripresa della mobilitazione con assemblee del personale e prossimo svolgimento di un sit-in. Oggetto della vertenza: la carenza di dirigenti medici specialisti a pediatria, con scopertura dei turni di guardia, un solo radiologo, la necessità di incrementare le ore di specialistica ambulatoriale e di attivare i servizi di Ortopedia e la Lungodegenza.

Dopo richieste di incontro e sollecitazioni inviate nei mesi scorsi, ha fatto seguito solo un “assordante silenzio”. I problemi segnalati dal sindacato sono rimasti sul tappeto. Il 2 maggio scorso era stato annunciato un sit-in, per chiedere il rispristino di tutti i posti letto dell’unità di Cardiochirurgia, poi annullato in seguito agli impegni presi dall’azienda.

«Nonostante le rassicurazioni ricevute, poco è cambiato- dichiarano i segretari generali di Cgil Palermo e Fp Cgil Palermo Mario Ridulfo e Giovanni Cammuca- Già il 9 settembre scorso, con una nota firmata anche dalla Fp Cgil medici, avevamo denunciato la carenza di pediatri. E l’Asp aveva invitato i dirigenti medici di Anestesia e Rianimazione a collaborare in caso dell’assenza in servizio del pediatra neonatologo. Successivamente siano tornati a ribadire che bisognava mettere in sicurezza il Punto Nascita dell’Ospedale. Ma ancora oggi si registra l’assenza dei pediatri, carenza consolidata negli anni senza che si sia provveduto alle assunzioni a tempo indeterminato. Ormai non si riesce a garantire la copertura dei turni, con grave rischio clinico per i nascituri».

Secondo i sindacati è altrettanto grave la presenza di un solo medico radiologo, che riesce a coprire solo alcuni turni mattutini e alcune reperibilità pomeridiane e notturne. «La continuità del servizio di radiologia è affidata alla ‘telerefertazione’ su presidi lontani, ospedale Ingrassia e Civico di Partinico. Metodica- aggiungono Cgil e Fp- che non consente di effettuare Tac con mezzo di contrasto o indagini ecografiche. Occorre inoltre potenziare il servizio di Cardiologia e attivare i servizi di Ortopedia e l’unità operativa di Lungodegenza. Nel territorio è necessario, inoltre, potenziare i servizi distrettuali e incrementare le ore di specialistica ambulatoriale».

Problemi rimasti fino ad oggi irrisolti, sottolineano Cgil e Fp Cgil, con «grave pregiudizio sui servizi da rendere a un ampio bacino di utenza dell’entroterra palermitano.Questa vertenza non riguarda solo gli operatori ma l’intera collettività- aggiungono Ridulfo e Cammuca- Considerato che ad oggi sono rimasti o disattesi gli impegni formalmente assunti dall’Asp, ad eccezione del ripristino dei posti letto della unità di Chirurgia, abbiamo proclamato lo stato di agitazione del personale e la ripresa della mobilitazione».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche