Corleone memoria

ASP e Ospedali

La nota

Ospedale di Corleone, i sindacati: «C’è ancora carenza di pediatri»

Sollecitato un intervento risolutivo dell'Asp, che a dicembre aveva attivato una procedura di reclutamento a carattere emergenziale. L'intersindacale sottolinea: «Non siano vicariati da medici anestesisti-rianimatori».

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. L’attivazione di qualsiasi strumento organizzativo per garantire il servizio di guardia attiva nelle 24 ore con il medico specialista pediatra presso il P.O. di Corleone «al fine di evitare possibili gravi rischi per la salute dei neonati e degli utenti in età pediatrica». A sollecitarla all’Asp di Palermo è l’intersindacale con una nota a firma di Aaroi Emac, Anaao Assomed, Cgil Medici, Cimo, Cisl Medici, Fesmed, Fials, Fvm e Uil Medici.

A dicembre 2021 l’Azienda sanitaria provinciale proprio per questa carenza e dopo che erano andati deserti i precedenti bandi, aveva attivato una procedura a “carattere emergenziale”, utilizzata in deroga alla procedura ordinaria e valida fino al superamento del momento di criticità: era stat pubblicato, infatti, un avviso per reclutare pediatri, anche a quelli in pensione, in modo da garantire la continuità assistenziale nei punti nascita degli ospedali “Dei Bianchi” di Corleone e “Civico” di Partinico.

La situazione, tuttavia, resta critica come fanno notare i sindacati che denunciano «la cronica e grave carenza di medici presso l’UOC di Pediatria del P.O. di Corleone, perdurante già da dicembre 2021, con conseguente scopertura di numerosi turni di guardia». Inoltre danno notizia delle note «del Direttore Generale del 28/01/2022 e del Direttore del Dipartimento di Emergenza-Urgenza del 31/01/22, con le quali “si invitano” i dirigenti medici di Anestesia e Rianimazione a “collaborare sulla base di tutte le proprie conoscenze” in caso di mancanza in servizio dello specialista pediatra/neonatologo presso il P.O di Corleone».

I sindacati aggiungono: «L’assenza del medico specialista pediatra/neonatologo rappresenta un potenziale gravissimo rischio per la salute del neonato sia al momento del parto, sia nelle successive eventuali giornate di degenza, considerato che ad oggi il servizio è mantenuto attivo malgrado questa grave criticità, peraltro già segnalata con precedente nota dalla organizzazione sindacale AAROI-EMAC in data 10 gennaio 2022».

Inoltre «nelle unità operative di pediatria-neonatologia, il medico pediatra è previsto in guardia attiva nelle 24 ore, in quanto specialista non sostituibile, sia in uno scenario post-partum, sia in area di emergenza, pertanto non è possibile demandare ai medici specialisti di Anestesia e Rianimazione, come nelle reiterate richieste, di vicariarne l’assenza, in quanto si potranno doverosamente assicurare le prestazioni di competenza ma non quelle dello specialista di pediatria/neonatologia, acquisite con un corso di specializzazione quinquennale e con esperienza pluriennale».

Infine, l’intersindacale sottolinea: «La carenza di medici pediatri si è generata nel corso di diversi anni ma non si è provveduto nei tempi adeguati all’immissione in servizio del personale a tempo indeterminato, considerato che in codesta Azienda sono presenti due presidi ospedalieri distaccati con punti nascita, come quello di Partinico e di Corleone (quest’ultimo da considerare sede disagiata), entrambi nella medesima condizione di grave carenza e che prevedono la presenza del pediatra in guardia attiva nelle 24 ore».

 

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche