ASP e Ospedali

La nota

Ospedale di Barcellona, Galluzzo: «Non dovrà più essere penalizzato»

Il deputato di Fratelli d'Italia: «In questi anni si è sacrificato per la lotta al Covid». Chiesto un sopralluogo all'assessore Volo,

Tempo di lettura: 2 minuti

«L’ospedale “Cutroni Zodda” di Barcellona, in questi anni, si è sacrificato per la lotta al Covid e non può essere più penalizzato». A dichiararlo è il parlamentare regionale di Fratelli d’Italia Pino Galluzzo, che interviene specificando che «nella scorsa legislatura ho chiesto al presidente Nello Musumeci e all’assessore Ruggero Razza che il nosocomio di Barcellona esistesse come ospedale di base, così che è stato inserito nel Decreto della Rete ospedaliera».

«Ringrazio tutti i medici e gli operatori sanitari del “Cutroni Zodda” che, senza sosta, durante questa terribile pandemia che ha sconvolto il mondo intero, sono stati in trincea senza risparmiarsi. Appunto per questo auspico che tutto questo lavoro non venga sprecato, nell’interesse della cittadinanza e per il bene di tutto il comprensorio» aggiunge Galluzzo.

Inoltre, sottolinea: «Visto che l’emergenza Covid si è notevolmente ridimensionata, invito ufficialmente l’assessore regionale alla Salute, Giovanna Volo, a un sopralluogo presso il Presidio ospedaliero di Barcellona. In quella data, chiederò di essere presente, altresì, al sindaco Giuseppe Calabrò e alla sua Amministrazione, al Consiglio comunale e al Comitato a difesa dell’Ospedale “Cutroni Zodda”, presieduto dal prof. Enzo Correnti. Gli impegni che dovrà assumere il Governo della Regione Siciliana sono tanto necessari quanto improrogabili. Per questo mi spenderò senza risparmiarmi, ritenendo l’ospedale una priorità assoluta».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche