Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Iniziativa al reparto di Oncoematologia pediadrica

Ospedale dei Bambini, uova di Pasqua in vendita per potenziare l’assistenza ai piccoli pazienti

A Palermo iniziativa dell'Associazione siciliana per le immunodeficienze primitive «Spia», rivolta al reparto di Oncoematologia pediatrica del «Di Cristina». Grazie al ricavato uno psicologo specializzato seguirà i bambini e i loro genitori nel percorso di diagnosi e terapia.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. Buone, belle, ma anche… dolcemente utili. Sono le uova di Pasqua che l’Associazione siciliana per le immunodeficienze primitive «Spia» ha messo in vendita con uno scopo altamente benefico: raccogliere fondi da destinare alle attività del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale «Di Cristina», per il momento ospitato al «Civico».

Che siano di cioccolato al latte o fondente, tutte hanno una caratteristica speciale, oltre che una morbida sorpresa: la carta che le avvolge è stata disegnata dal maestro palermitano Maurilio Catalano, famoso in tutta Italia e non solo soprattutto per i colori accesi delle sue tele e i temi legati al mare. E che ha già collaborato con l’associazione, ad esempio decorando a Natale le scatole dei panettoni distribuiti da «Spia».

Le immunodeficienze primitive appartengono al nutrito gruppo delle malattie rare. Ne esistono moltissime, da quelle più comuni come i deficit di anticorpi, ad altre molto più complesse che impongono trattamenti impegnativi, ad esempio i trapianti di midollo osseo.

«In cura abbiamo circa 150 bambini- afferma Nino Trizzino, dirigente medico dell’Unità operativa di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale dei Bambini e responsabile scientifico di “Spia” – Cinquanta di loro hanno bisogno di accessi frequenti in ospedale, altri di visite più sporadiche».

Tra i piccoli pazienti ce n’è uno che vive nella provincia di Palermo e che è affetto da una malattia rarissima. «Ne esistono solo 20 casi in tutto il mondo, di cui 15 in Australia e solo due in Italia- spiega il medico- Sarebbero necessari molti più investimenti nella ricerca, invece sono molto ridotti. Ecco perché “Spia” sostiene la ricerca».

Il ricavato della vendita delle uova di Pasqua è già virtualmente “impegnato”. Servirà infatti a mettere in piedi un nuovo ambizioso progetto, “Uno psicologo per amico”. Per un anno, uno psicologo specializzato in immunodeficienze seguirà i bambini e i loro genitori nel delicato percorso di diagnosi e terapia di queste malattie, che non sempre possono essere curate e che spesso rendono la qualità di vita dei pazienti veramente pessima.

Le uova possono essere acquistate in molti luoghi tra Palermo e provincia. Un elenco si può trovare sulla pagina Facebook dell’associazione, “Immuno Spia”.

Con altre iniziative solidali precedenti, “Spia” ha messo in piedi una casa di accoglienza per i piccoli che non vivono in città (e sono la maggioranza) e i loro genitori. Una sorta di punto d’appoggio in via Monfenera (a metà strada tra “Di Cristina” e “Civico”), dotato di 8 posti letto e tutti i confort, totalmente gratuito, per chi deve combattere la battaglia più importante: quella contro la malattia.  Per informazioni sulla “Casa di Riccardo” si può contattare il numero 388-6387521.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati