Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Dai fratelli Antonino e Vincenzo Cancascì

Ospedale dei Bambini: arrivano in dono farmaci, arredi e pure un maxi uovo di Pasqua

Per la terza volta nella struttura pediatrica palermitana iniziativa benefica dei fratelli Antonino e Vincenzo Cancascì: «Speriamo che altri seguano il nostro esempio». Il plauso del dg Giovanni Migliore: «Atti di generosità come questo sono importanti per noi».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Un giorno di festa. Con tanto di apertura di un maxi uovo di Pasqua (con un po’ di ritardo, ma non importa…) con il cioccolato distribuito ai giovani pazienti.

All’ospedale dei Bambini di Palermo giorno speciale dedicato ai benefattori. Per la terza volta, infatti, i fratelli Antonino e Vincenzo Cancascì, hanno donato del materiale sanitario alla struttura pediatrica palermitana. Una donazione importante, che comprende farmaci, armadietti, bilance per i neonati di altissima precisione, letti, comodini di ultima generazione e poltrone relax per le mamme che assistono i piccoli pazienti.

«Lo facciamo con il cuore e ci abbiamo preso gusto – dicono i fratelli Cancascì – e speriamo che tutti possano seguire il nostro esempio. Noi siamo alla terza donazione e non vogliamo fermarci. Non abbiamo secondi fini, come quello di farci pubblicità, ma semplicemente sappiamo che un gesto come il nostro può rendere migliore la degenza per questi piccoli pazienti».

E il reparto dell’unità operativa Malattie metaboliche rare si è trasformato, per un giorno, in un luogo di festa. Hanno partecipato tantissimi tra medici e infermieri, tanti genitori e anche dei bambini.

Era presente anche il direttore sanitario dell’Arnas del Civico, Giovanni Migliore: «Tutti e 12 gli ospedali pediatrici italiani non riescono a sostenersi senza l’ausilio di persone come i fratelli Cancasci, i quali contribuiscono con quello che possono all’acquisto di medicinali, strumenti, mobili e suppellettili. La generosità delle persone è troppo importante per queste strutture che sono vere eccellenze della medicina, ma che, dal punto di vista finanziario, stanno attraversando un brutto momento».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati