ASP e Ospedali

Ecco i video

Ospedale Cimino di Termini Imerese, taglio del nastro per la nuova Area di emergenza

In 800 mq. è stato realizzato un Pronto Soccorso nel quale lavorano 10 dirigenti medici e 16 infermieri. L’investimento complessivo dell’Asp di Palermo è stato 886 mila euro per la ristrutturazione, il completo rinnovo degli arredi e il potenziamento del parco tecnologico. Ecco i video con le interviste ad Antonio Candela e Baldo Gucciardi.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Nuova distribuzione degli spazi, monitor alle pareti che indicano le priorità di ingresso in base ai codici assegnati al triage, televisori collegati a programmi di informazione e distributori di acqua gratuiti per alleviare l’attesa di pazienti e familiari, ma soprattutto maggiore comfort per chi ha bisogno di cure e una migliore gestione delle emergenze e delle urgenze grazie a nuovi locali a disposizione sia per gli utenti che per gli operatori.

Sono le caratteristiche della nuova Area di Emergenza dell’Ospedale “Cimino” di Termini Imerese attivata questa mattina alla presenza tra gli altri dei vertici dell’Asp di Palermo guidata dal dg Antonio Candela e dell’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi. In 800 mq. è stato realizzato un Pronto Soccorso nel quale lavorano 10 dirigenti medici e 16 infermieri. L’investimento complessivo dell’Asp di Palermo è stato di 886 mila euro, somma utilizzata, sia per i lavori di ristrutturazione, che per il completo rinnovo degli arredi ed il potenziamento del parco tecnologico.

L’Area di Emergenza di Termini Imerese, che lo scorso anno ha avuto 26 mila accessi, si caratterizza per il percorso differenziato di pazienti barellati e pazienti che arrivano con mezzi propri, le sale visita distinte per “codici di accesso”, il maggiore rispetto della privacy e per uno spazio dedicato all’osservazione pediatrica più confortevole ed accogliente (il reparto di pediatria dell’Ospedale di Termini Imerese accoglie pazienti da tutto il comprensorio).

La struttura è dotata anche di una “camera calda” dove le ambulanze accedono direttamente e di due sale OBI (Osservazione breve intensiva) dotate complessivamente di 8 posti letto.

Per alleviare l’attesa dei familiari nello spazio a loro dedicato sono stati installati anche televisori collegati a programmi di informazione, monitor che indicano i tempi di attesa per singoli codici di accesso e distributori d’acqua gratuiti. Le pareti della sala d’attesa e delle aree interne accolgono opere della mostra fotografica “Una Termini da ri-animare” curata da Roberta Sperandeo, Sergio D’Amore e dall’Associazione Termini d’Amuri.

https://youtube.com/watch?v=8pCTGWlvHbU%26feature%3Dyoutu.be

https://youtube.com/watch?v=OZ9nwjs2_4Q%26feature%3Dyoutu.be

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.