coronavirus

ASP e Ospedali

La protesta

Ospedale Cervello, sindacati sul piede di guerra: «No alla chiusura di Ostetricia»

Le Segreterie Aziendali di Cimo-Fesmed e Aaroi Emac paventano «gravi criticità in termini assistenziali e nei risvolti sociali e di ordine pubblico».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «La sospensione dell’attività della UOC di Ostetricia dell’Ospedale Cervello può causare gravi criticità in termini assistenziali e nei risvolti sociali e di ordine pubblico».

Lo scrivono le Segreterie Aziendali di Cimo-Fesmed e Aaroi Emac di Villa Sofia-Cervello in una nota inviata all’assessore Ruggero Razza, ai vertici dell’azienda ospedaliera, al prefetto e al sindaco, aggiungendo che quell’Ostetricia «rappresenta un Punto Nascita di 2°/3° livello con circa 1.500 parti/anno e l’unico della zona Ovest di Palermo e della Provincia limitrofa. Oltre il 50% delle gravidanze seguite sono etichettate a rischio, cioè diabete in gravidanza, pre-eclampsia, severa obesità, ritardo di crescita intrauterino. È inoltre sede dell’unico Centro di Diagnosi Prenatale della Sicilia e fornisce anche il servizio di Partoanalgesia h24».

Secondo i sindacati, pertanto, «la sua chiusura verrebbe a determinare l’incremento esponenziale dei rischi materno-fetali per l’impossibilità di assistenza in caso di urgenze nelle quali la tempestività di intervento è sempre cruciale: la U.O. è sede di Pronto Soccorso Ostetrico che con la sospensione dell’attività cesserebbe la propria funzione.

Inotre «l’attività dell’Ostetricia del “Cervello” considerato l’elevato numero di parti annui e la tipologia delle prestazioni rese, non potrebbe in alcun modo essere assorbita da altre strutture sanitarie cittadine pubbliche o private e le peculiarità assistenziali della struttura non potrebbero essere vicariate da altri».

Nella nota firmata da Giuseppe Bonsignore (Cimo, nella foto), Francesco Labate (Fesmed), Massimo Donzelli e Francesco Tarantino (Aaroi Emac) si legge: «È difficile comprendere il razionale di tale scelta i cui svantaggi sono di gran lunga superiori ai benefici dato che dopo ben due trasferimenti del Reparto all’interno dello stesso plesso al fine di contribuire alla riorganizzazione per Covid e col compromesso di una riduzione da 24 a 16 dei “normali “posti letto, si riusciva comunque a fornire assistenza sia per Ostetricia Bianca che per quella Covid, fra l’altro garantendo un numero dei posti letto Covid maggiore rispetto alla prospettata chiusura del reparto».

Infine, l’appello: «Sia rivalutata la decisione  di sospendere l’attività di Ostetricia del “Cervello”, oltre che per le gravi criticità assistenziali che si verrebbero a determinare, anche in considerazione del rischio legato all’ordine pubblico dovuto alla impossibilità di fornire le necessarie risposte e prestazioni mediche che verrebbero a mancare improvvisamente ad un’ampia fetta della popolazione».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.