ASP e Ospedali

Al sesto piano

Ospedale Cervello, al via la nuova Unità di Terapia Intensiva Respiratoria

Dotata di un totale di 10 posti letto, la gestione è stata affidata al dr. Giuseppe Arcoleo dalla prof.ssa Maria Rosaria Bonsignore.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. È stata attivata la nuova Unità di Terapia Intensiva Respiratoria (UTIR) che si trova al 6 piano del presidio ospedaliero “Cervello” di Palermo. È dotata di un totale di 10 posti letto, la cui gestione è stata affidata al dr. Giuseppe Arcoleo dalla prof.ssa Maria Rosaria Bonsignore, direttore dell’unità operativa complessa (UOC) di Pneumologia, di cui l’UTIR è parte. A breve sarà completato il totale rinnovamento della medesima UOC di Pneumologia, per un totale di 32 posti letto.

Maria Rosaria Bonsignore che presso “Villa Sofia-Cervello” è anche a capo del dipartimento cardio-vasculo-respiratorio, commenta così: «La nuova UTIR rappresenta un passaggio significativo per il miglioramento della qualità delle cure per i pazienti affetti da insufficienza respiratoria acuta».

«Prosegue- conclude il commissario straordinario Roberto Colletti– l’azione intensa volta al rilancio della nostra azienda con l’obiettivo di garantire sempre più elevati standard assistenziali e tempestive risposte ai bisogni di salute degli utenti».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche