ASP e Ospedali

L'appello all'assessorato alla Salute

Ospedale Cervello, 5 sindacati: «No alla chiusura del pronto soccorso»

Cisl Fp, Uil Fpl, Nursind, Nursing Up e Fials Palermo: «Causerebbe disagi agli utenti, un aumento del sovraffollamento e sovraccarico di lavoro per il pronto soccorso di Villa Sofia".

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «La chiusura del pronto soccorso dell’ospedale Cervello, accorpato a quello di Villa Sofia, causerebbe grandi e gravi disagi per l’intera popolazione cittadina, oltre che un aumento del sovraffollamento, nonché sovraccarico di lavoro per il pronto soccorso di Villa Sofia».

Lo scrivono in una nota indirizzata all’assessorato regionale alla Salute i sindacati Cisl Fp, Uil Fpl, Nursind, Nursing Up e Fials Palermo.
In merito all’ipotesi di accorpamento dei due pronto soccorso, i sindacati ribadiscono la propria contrarietà «alla chiusura dell’unico polo di emergenza dell’area ovest della Provincia di Palermo, nonché punto di riferimento per una vasta area della città. La chiusura di tale importante e nevralgica area di emergenza potrebbe determinare grandi e gravi disagi per l’intera popolazione cittadina. Doveroso, inoltre, porre l’attenzione alla gestione pratica delle emergenze, con i vari ricoveri, visite specialistiche ed esami diagnostici ai quali dovrebbero essere sottoposti i pazienti presso i reparti del Cervello, ma presi in carico dal pronto soccorso di Villa Sofia, con il conseguente aumento dei trasferimenti dei pazienti e dunque un impiego maggiore di ambulanze aziendali e personale, senza contare i disagi per l’utenza».

«Alla luce delle criticità evidenziate- scrivono i sindacati- proponiamo la realizzazione di locali, anche prefabbricati, attigui all’attuale pronto soccorso del Cervello, al fine di scongiurare la chiusura e porre rimedio all’attuale situazione determinatasi all’interno del medesimo, a causa della mancata conclusione dei lavori di ristrutturazione, iniziati da tempo e ad oggi non ancora terminati. Chiediamo quindi un incontro urgente all’assessorato alla Salute affinchè possano essere prese nella giusta considerazione anche i pareri delle altre organizzazioni sindacali e non già di una sola, nonché al fine di trovare soluzioni adeguate e condivise, nel rispetto della corretta assistenza sanitaria dovuta alla popolazione e soprattutto del benessere lavorativo dei lavoratori interessati».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche