Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
neonatologia

ASP e Ospedali

Pietro D'Amico

Ospedale Cannizzaro di Catania, ecco il nuovo direttore del reparto di Neonatologia

L’incarico, di durata quinquennale, è stato conferito con delibera del commissario straordinario, dott. Salvatore Giuffrida, alla luce della recente nota dell’Assessorato regionale che ha autorizzato, per i concorsi già espletati, l’immissione in servizio del candidato già individuato quale direttore.

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. È Pietro D’Amico il nuovo direttore dell’Unità Operativa Complessa di Neonatologia e UTIN (Unità Terapia Intensiva Neonatale) dell’Azienda ospedaliera per l’emergenza Cannizzaro di Catania.

L’incarico, di durata quinquennale, è stato conferito nei giorni scorsi con delibera del commissario straordinario, Salvatore Giuffrida, alla luce della recente nota dell’Assessorato regionale che ha autorizzato, per i concorsi già espletati, l’immissione in servizio del candidato già individuato quale direttore.

La selezione, infatti, era stata indetta a luglio 2017 e la Commissione aveva concluso le valutazioni un anno fa, attribuendo il miglior punteggio al dott. D’Amico; l’iter era stato poi sospeso, analogamente alle altre Aziende sanitarie siciliane, in attesa dell’autorizzazione regionale, subordinata alla nuova rete ospedaliera e pervenuta nei giorni scorsi.

Pietro D’Amico, 54 anni di Acireale, pediatra e neonatologo, sin dal 1999 lavora all’Ospedale Cannizzaro e della stessa UOC è stato direttore facente funzione dall’1 aprile 2016, dopo il pensionamento del precedente primario.

A lui e al personale hanno fatto visita ieri Salvatore Giuffrida e Rosaria D’Ippolito (direttore amministrativo), sottolineando l’importanza del reparto nell’ambito delle attività legate all’emergenza-urgenza.

La Neonatologia e UTIN dell’Azienda Cannizzaro opera all’interno del Dipartimento materno-infantile diretto dal prof. Paolo Scollo, nel quale è attiva la UOC di Ostetricia e Ginecologia, che è Centro di Riferimento regionale per Diagnosi Prenatale e Gravidanza a rischio; nel 2018 si sono registrati 55 parti di gravidanze plurime (primo Centro in Sicilia secondo i dati Agenas).

Ricovera ogni anno mediamente 500 neonati (fra i circa 1.300 nati), di cui oltre la metà prematuri, e conta tra l’altro otto posti di terapia intensiva neonatale e dieci di terapia sub-intensiva.

Nella foto, da sinistra: Rosaria D’Ippolito, Pietro D’Amico e Salvatore Giuffrida

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati