Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
franco gargano Elezioni carenza professioni infermieristiche

Dal palazzo

La lettera a Razza

Ordini degli infermieri siciliani, al via appello contro la carenza di personale

I presidenti hanno scritto una lettera all'assessore alla Salute, Ruggero Razza, per sottolineare le emergenze e le criticità del sistema sanitario, con particolare riferimento al progressivo sgretolamento della professione infermieristica.

Tempo di lettura: 2 minuti

A seguito della riunione del Coordinamento regionale tenutasi a Siracusa, i presidenti degli Ordini delle Professioni Infermieristiche delle nove province siciliane hanno scritto all’assessore alla Salute Ruggero Razza una lettera per sottolineare le emergenze e le criticità del sistema sanitario, con particolare riferimento al progressivo sgretolamento della professione infermieristica.

“Siamo di fronte ad una crisi organizzativa e di prospettiva che riguarda i professionisti della salute, a partire dalla carenza del personale – afferma il presidente di OPI Palermo Franco Gargano (nella foto)- L’intera rete ospedaliera siciliana soffre una grave crisi di organico e la situazione da critica diventa drammatica se consideriamo il personale infermieristico specializzato”.

È notizia recente che la Sicilia ha il record negativo di numero di infermieri: secondo le stime pubblicate dal Centro studi della Federazione nazionale degli Ordini degli infermieri (FNOPI) nella regione mancano 9.755 infermieri.

«Ciò significa- continua Gargano- che ogni professionista si trova a dover assistere più del doppio dei pazienti di cui si dovrebbe occupare, che per legge sono al massimo sei. Qui in Sicilia invece ciascun infermiere è costretto ad occuparsi mediamente di 12/13 pazienti al giorno. Una situazione letteralmente insostenibile».

Un secondo grave problema sottolineato dai presidente provinciali dell’OPI è rappresentato dalla modalità di gestione degli Ospedali di Comunità: «Riteniamo che la responsabilità gestionale e organizzativa complessiva debba essere attribuita al Direttore del Distretto (o figura equivalente o delegata) il quale svolge funzioni di collegamento con i responsabili sanitari, clinici, assistenziali e la direzione sanitaria. Ogni tentativo voto a cambiare questa versione è un ulteriore segno del clima di oppressione e svilimento della professione infermieristica».

«Sentiamo il dovere di sollecitare l’assessore Razza a portare in sede di Conferenza Stato Regioni i problemi sopra indicati che non sono più emendabili- si legge nella nota inviata all’assessore- sperando di trovare un maggiore riscontro rispetto a quanto avvenuto con la recente pubblicazione della nuova Rete Ospedaliera, la quale ha oscurato il processo di qualificazione della figura dell’infermiere quale professionista autonomo nell’ambito delle attività di prevenzione, cura e salvaguardia della salute collettiva».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati