Ordine dei medici di Palermo, 80 giovani addestrati alle manovre di rianimazione

16 Aprile 2019

Sono stati abilitati anche all'utilizzo dei defibrillatori semiautomatici.

 

di

PALERMO. Formati a Villa Magnisi altri 80 esecutori. L’Ordine dei medici di Palermo li ha abilitati alle manovre di rianimazione cardiopolmonare di base e all’utilizzo dei defibrillatori semiautomatici.

Si tratta di un percorso di training offerto gratuitamente dall’Omceo a tutti i giovani camici bianchi e promosso in tutte le province siciliane già dal 2018; proseguirà nel 2019 grazie alle lezioni di istruttori medici e infermieri Vlsd/Pblsd volontari, a cui il presidente dei medici siciliani Toti Amato ha rivolto un particolare ringraziamento per la preziosa collaborazione.

«Salvare una vita è un dovere umano oltre che medico, bisogna imparare a non essere spettatori inermi in caso di primo soccorso». Così Amato, ricordando «che si può salvare una vita grazie a pochi e semplici gesti, che dovrebbero conoscere anche i ragazzi, già dai banchi di scuola, diventando ambasciatori di manovre di rianimazione nelle loro famiglie. Sarebbe un grande apporto per ridurre significatamente il numero dei decessi in casi di emergenza».

Dopo il corso di “Esecutori Blsd-Basic Life Support Defibrillation”, i giovani anestesisti di Palermo, specializzati nel 2014, hanno donato all’Omceo un defibrillatore automatico esterno (Dae) alla presenza del presidente Amato, di moltissimi giovani colleghi e degli organizzatori dell’evento: Daniela D’Angelo (presidente dei revisori dei conti dell’Omceo), Giovanni Luca D’Agostino (anestesista rianimatore del 118 Palermo-Trapani e istruttore Blsd/Pblsd) e William Figà (anestesista rianimatore dell’Asp 6).

La cerimonia è stata un’occasione per richiamare i tanti episodi, consegnati dalla cronaca, di persone salvate grazie alla capacità di semplici testimoni intervenuti con poche manovre, e il ruolo determinante del Dae nel mantenere in vita, fino all’arrivo in ospedale, chi è colpito da un arresto cardiaco.

Secondo Antonio Iacono, consigliere dell’Omceo e dirigente responsabile del Trauma center dell’Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello, serve una maggiore promozione di una cultura del soccorso: «È un investimento sulla società. Un corso Blsd andrebbe diffuso anche attraverso i canali televisivi per raggiungere una utenza più capillare, chi non frequenta normalmente l’ambiente medico e sanitario».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV