Ora è ufficiale, parola di Crocetta: Cardiochirurgia Pediatrica resta un altro anno a Taormina

10 Giugno 2016

Lo rivela il presidente del consiglio comunale, Antonio D'Aveni: «Il governatore mi ha annunciato durante un incontro la proroga di un anno della convenzione».

 

di

TAORMINA. Dopo tante indiscrezioni, ora arriva l’ufficializzazione anche se indiretta: Cardiochirurgia Pediatrica resterà ancora almeno un anno a Taormina.

Lo fa sapere Antonio D’Aveni, presidente del Consiglio comunale, sostenendo di averlo appreso direttamente dal governatore Rosario Crocetta: «Cari amici, oggi all’insediamento del sindaco metropolitano ho incontrato il presidente Crocetta, che mi ha annunciato, di fronte a sindaci ed amici e dopo un “vivace” e rispettoso scambio di opinioni, la proroga di un anno della convenzione relativa a Cardiochirurgia pediatrica».

Insomma, come si sospettava sfuma almeno per ora il ritorno di quel servizio di eccellenza a Palermo: la tanto contestata convenzione con il Bambino Gesù per la gestione all’interno dell’ospedale San Vincenzo di Taormina, in scadenza proprio in questi giorni, sarà quindi rinnovata.

L’auspicio di D’Aveni: «Spero che in questo anno si giunga ad una soluzione definitiva che renda felici tutti, possiamo dire che la battaglia per ora è vinta!».

A dire il vero, l’annuncio di Crocetta fa a pugni con quanto sostenuto da lui stesso alcune settimane fa a Palermo, come riportato in un precedente articolo di Insanitas: «Cardiochirurgia Pediatrica deve ritornare nel capoluogo siciliano perché da qui è stata rubata».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV