infermieri assunzioni contratti di lavoro

Opi Trapani, l’appello all’Asp: «Urgente l’assunzione di nuovi infermieri»

12 Novembre 2020

«Stiamo vivendo sulla nostra pelle il notevole disagio a causa del crescente ed insostenibile carico di lavoro presso le UU.OO. assistenziali no-covid».

 

di

TRAPANI. «Gli infermieri stanno vivendo sulla propria pelle il notevole disagio a causa del crescente ed insostenibile carico di lavoro presso le UU.OO. assistenziali no-covid dell’Asp di Trapani».

Lo afferma  l’Ordine provinciale delle Professioni Infermieristiche, che punta l’indice contro il «continuo depauperamento delle già esigue risorse umane residue a causa di trasferimenti presso altre aree assistenziali che insistono nei Covid-Hospital aziendali»

«Siamo ben consapevoli della delicata situazione legata alla repentina evoluzione dei contagi da COVID-19 nella nostra provincia e dei recenti sforzi straordinari posti in essere dall’Asp di Trapani in termini di nuove assunzioni di personale infermieristico e personale di supporto- si legge nella nota del consiglio direttivo dell’Opi (CLICCA QUI)- Ma l’impegno messo in campo per il reclutamento appare non adeguato alle effettive necessità assistenziali alle quali il personale infermieristico si trova a far fronte, sia quello dedicato alle Unità operative Covid-19 che alle Unità operative a degenza ordinaria».

Ed ancora: «Una particolare attenzione deve essere posta a favore delle Unità operative in cui insistono pazienti Covid-19 ma non può e non deve essere consentito il depauperamento delle risorse umane infermieristiche e di supporto all’assistenza dalle unità operative dedicate alla cura dei pazienti per patologie medico-chirurgiche in regime ordinario e di urgenza, pena il rischio di un decadimento generale delle buone pratiche terapeutico-assistenziali offerte dall’Asp di Trapani».

Da qui l’appello: «Sia utilizzato ogni utile strumento gestionale/normativo/contrattuale al fine di adeguare, con carattere di urgenza, l’attuale dotazione organica del personale infermieristico e del personale di supporto rispetto al numero di posti letto attivati ed alla specifica complessità assistenziale. Suggeriamo la presenza minima, fatto salvo condizioni più favorevoli, di almeno due unità infermieristiche e di un operatore di supporto per ogni singolo turno nell’arco delle 24 ore».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV