Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Emergenza urgenza

Il servizio video di Insanitas

Operatori del 118 siciliano in sciopero: «Protestiamo per i nostri diritti negati»

Indetto da Cobas, Fials-Confsal, Fsi-Usae, Confintesa Sanità e Movimento Unito 118.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. «Protestiamo per i nostri diritti negati». Lo hanno ribadito con forza questa mattina, in piazza Parlamento, a Palermo, i lavoratori siciliani del 118, durante lo sciopero indetto da Cobas, Fials-Confsal, Fsi-Usae, Confintesa Sanità, Movimento Unito 118. Maggiori tutele, l’istituzione di un tavolo per la creazione di un soggetto pubblico regionale che riordini l’intero servizio, una maggiore attenzione verso la formazione dei lavoratori, la rivalutazione del contratto di servizio: sono queste le principali motivazioni della protesta. Nel servizio di Insanitas le interviste a Mario Manzo (Confintesa Sanità Sicilia), Renzo Spada (Fsi-Usae), Raffaele Faraci (Cobas), Carmelo Salamone (Fials-Confsal) e  Giuseppe Puccio (Movimento Unito Dipendenti 118).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati