Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
ibla soccorritori 118 Ortigia precari livelli occupazionali cda seus snami seus contratto lettera ambulanza medicalizzata sottiletta affogata

Emergenza urgenza

La nota del sindacato

Operatori del 118 accusati di assenteismo a Ribera, la Fials esprime solidarietà

La nota del sindacato: «Gli autisti- soccorritori non godono di una pausa ristoro né del servizio mensa».

Tempo di lettura: 2 minuti

AGRIGENTO. Sulla vicenda dei presunti casi di assenteismo che a Ribera avrebbero coinvolto anche alcuni operatori del 118, interviene con una nota la Fials. «Intendiamo esprimere la nostra solidarietà agli operatori del 118, sottolineando invece una non adeguata e regolamentata organizzazione logistica. Gli autisti-soccorritori non solo non godono di una pausa ristoro, ma neppure di un servizio mensa, o indennità accessorie previste (buoni pasto), più volte richiesti agli enti gestori del servizio», si legge in una nota della segreteria e del coordinamento regionale del sindacato.

A tal proposito, la Fials aggiunge: «Gli operatori del 118 possono ricevere una chiamata di emergenza e partire per l’intervento anche al rientro da un altro intervento, o mentre effettuano rifornimento di carburante per l’ambulanza o magari mentre gli stessi stiano effettuando un veloce ristoro per il recupero psicofisico durante il servizio, come ogni categoria lavorativa ha diritto in un paese civilizzato dal punto di vista lavorativo».

Il sindacato sottolinea: «Alla luce di ciò è opportuno segnalare che il luogo di lavoro degli operatori in servizio durante gli interventi è il mezzo di soccorso che opera nel territorio, in quanto la tipologia di lavoro si svolge in itinere e non su un luogo di lavoro ben definito. Lungi da noi il voler insinuare critiche sterili avverso i descritti fatti, ma appare chiaro come ogni opportuno dettaglio sia ponderato al fine di una corretta valutazione del caso, confidando che la Giustizia faccia chiarezza su quanto accaduto».

Infine, la Fials lancia un appello: «Risulta opportuno “normare” la questione di che trattasi con stipula di apposito accordo sindacale, nonché inserendo, all’interno del Contratto Integrativo Aziendale, l’attuazione degli istituti contrattuali previsti dal Contratto applicato, tenendo in considerazione la peculiarità del lavoro svolto».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati