papardo vincenzo adamo

Oncologia e coronavirus, il modello vincente dell’Ospedale Papardo

26 Aprile 2020

"Nell’ultimo mese, il calo di circa il 20% che abbiamo registrato - afferma il professore Adamo - è legato alla dilazione delle visite di monitoraggio dei pazienti in follow up, per i quali è possibile un posticipo delle stesse".

 

di

A Messina un percorso virtuoso che consente ai malati oncologici di proseguire i programmi diagnostico-terapeutici in piena sicurezza: è questo l’obiettivo raggiunto dal dipartimento di oncoematologia dell’Azienda ospedaliera “Papardo”, diretto dal professore Vincenzo Adamo. Fuori dal day hospital oncologico sito al quarto piano della struttura è stata allestita una tenda dove i pazienti, muniti degli appositi dispositivi di sicurezza, vengono sottoposti a un’attività di triage, alla presenza di un medico e di personale sanitario che verifica l’assenza di sintomi (febbre e tosse), prima di essere smistati nei i vari ambulatori del DH. Ne abbiamo parlato con il professore Adamo.

Le aziende sanitarie regionali lamentano un evidente calo delle consulenze e dei ricoveri.

Il calo dei ricoveri è indubbiamente legato al timore di essere esposti a un possibile contagio da Covid-19. Per l’oncologia la situazione è diversa poiché i pazienti richiedono un’attenzione terapeutica specifica dovuta alla complessità delle cure indifferibili e obbligatorie a seconda delle varie fasi della malattia. Nell’ultimo mese, il calo di circa il 20% che abbiamo registrato è legato alla dilazione delle visite di monitoraggio dei pazienti in follow up, per i quali è possibile un posticipo delle stesse.

Il dipartimento di oncoematologia del “Papardo” ha ideato un percorso che permette la gestione dei pazienti nella massima sicurezza evitando disordini. L’utenza è soddisfatta?

Superato il disorientamento iniziale tipico delle situazioni nuove, i nostri pazienti hanno avuto modo di testare l’efficacia e la sicurezza del percorso, attraverso il quale continuiamo a garantire immediatezza diagnostica e terapeutica; attualmente gestiamo una media di 60 pazienti al giorno e dall’inizio dell’emergenza abbiamo avuto bisogno di effettuare solo 10 tamponi fra degenza e day hospital, tra l’atro tutti negativi. Questo naturalmente è stato possibile grazie alla disponibilità del direttore generale, degli altri vertici aziendali e al personale che quotidianamente è a servizio dell’utenza.

Spesso la gestione del paziente oncologico richiede una “concomitanza” di consulenze specialistiche; è possibile questo nel rispetto delle norme di sicurezza anti contagio?

Il paziente oncologico necessita di protocolli diagnostico-terapeutici che impongono il coinvolgimento di più figure specialistiche. All’interno dell’Azienda “Papardo” i cosiddetti “Gruppi Oncologici Multidisciplinari” (Gom) dedicati ai diversi tumori che vengono da noi trattati, attivi ormai da parecchi anni, stanno continuando a operare attraverso riunioni in remoto, evitando inutili spostamenti al paziente; naturalmente, per alcuni accertamenti diagnostici strumentali è necessario che il paziente si rechi nei reparti di riferimento, sempre nel rispetto di tutte le norme di sicurezza.

Il suo reparto, a Messina, è stato “antesignano” nella creazione di un percorso di umanizzazione delle cure che tenesse conto della persona ancor prima del paziente; negli ultimi anni con l’Associazione per il Sostegno Oncologico, A.S.S.O., da Lei presieduta sono state promosse tante iniziative culturali in accordo con importanti enti e associazioni cittadine e nazionali. Come state gestendo questo aspetto?

Ci dedichiamo ai nostri pazienti con maggior attenzione non solo perché i protocolli attuati non permettono nella maggior parte dei casi l’affiancamento dei caregivers, ma soprattutto perché la paura dell’ignoto, che viviamo in questo momento di emergenza, per loro è una condizione ben nota. Limitiamo al massimo i tempi di attesa delle terapie e cerchiamo di non far mai mancare il calore di un sorriso o di una parola di conforto.

Quali sono le novità sul fronte della ricerca?

Come Rete oncologica siciliana, in accordo il decreto Stato-Regione, ci stavamo già occupando dei Percorsi diagnostico terapeutici assistenziali specifici, che naturalmente adesso cercheremo di portare avanti alla luce delle nuove linee guida legate alla pandemia.

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV