Dal palazzo

A Palermo

Oncoematologia pediatrica, bimbi guariti a lezione di sport

Grazie al progetto "Ricomincio da me" di Aslti, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, per loro inizia un nuovo percorso lontano dall'ospedale.

Tempo di lettura: 3 minuti

A lezione di calcetto: al via a Palermo, nella scuola Calcio Virtus Olimpia, il nuovo progetto “Ricomincio da me” di Aslti, l’associazione siciliana contro le leucemie e i tumori infantili. È finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con l’Avviso 1/2022, e ha l’obiettivo di realizzare attività di assistenza psicologica, psicosociologica o sanitaria in favore dei bambini affetti da malattia oncologica e delle loro famiglie. Iniziati gli allenamenti due volte alla settimana per piccoli pazienti ormai guariti da leucemia e cancro che, così, iniziano un nuovo percorso lontano dalle corsie dell’ospedale.

«Per Natan, Joel, Federico, Martin e Carlotta lo sport diventa un momento di condivisione di esperienze e di valori- sottolinea Ilde Vulpetti, direttrice dell’area operativa di Aslti- Puntiamo a andare oltre il periodo drammatico della malattia e a favorire il reinserimento sociale attraverso una serie di iniziative ma anche con sostegni concreti come l’accompagnamento da e verso i luoghi di cura, l’accoglienza integrata con l’offerta di alloggi gratuiti per le famiglie provenienti da altre città».

L’area sport è curata da Daniele Cacciato, esperto di attività motoria, allenatore Uefa B e vicepresidente Aiac, e coordinata da Giuseppe Furfari, allenatore UEFA B, e match analist. Previste anche iniziative per i genitori dei bimbi attraverso il ruolo del mediatore familiare, Rosellina Domilici.

I bambini e gli adolescenti seguiti nell’unità operativa di Oncoematologia pediatrica dell’Azienda ospedaliera Civico di Palermo, impegnati nel progetto “Ricomincio da me”, saranno coinvolti dai volontari dell’associazione in attività sportive gratuite fuori dall’ospedale- palestra, scuole di canottaggio e di calcio, riabilitazione motoria- alle quali potranno partecipare anche componenti della famiglia. Spazio anche a impegni “in corsia”: all’interno del reparto si svolgeranno laboratori didattici, multimediali e ludici, musicoterapia, e sarà garantito un supporto psicologico e di mediazione familiare.

«Il progetto “Ricomincio da me”, così come altri già portati avanti dall’associazione- continua Ilde Vulpetti- punta a supportare non solo i pazienti ma anche le famiglie nei complessi mesi segnati dalle terapie con la necessità di centrare sempre di più l’obiettivo della umanizzazione delle cure, mission della nostra associazione”». Il progetto avrà una durata di 18 mesi nel corso dei quali saranno organizzati appuntamenti mensili o bimestrali che coinvolgeranno le famiglie dei pazienti sotto la supervisione dello psicologo, del mediatore familiare e dello scienziato motorio e con l’ausilio di volontari formati per gestire questa tipologia di “eventi”.

Altro appuntamento a Palermo, a novembre, al Circolo Lauria di Mondello, e al City Adventure Park, all’Ippodromo della Favorita. Il progetto “Ricomincio da me” è consultabile nel sito di Aslti: www.liberi di crescere.it

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche