oncoematologia pediatrica

Policlinici

Umanizzazione delle cure

Oncoematologia pediatrica, al Policlinico di Catania via al progetto “Smart simultaneous care: spazio amico”

Accordo fra l'unico centro di emato-oncologia pediatrica della Sicilia orientale e l’associazione S.A.M.O.T. Catania ONLUS, ideatrice e capofila del progetto

Tempo di lettura: 3 minuti

Offrire un percorso assistenziale domiciliare, completo e costante, che abbracci tutte le fasi della malattia dalla diagnosi alla guarigione o, raramente, alla fase terminale, al bambino emato-oncologico ed alla sua famiglia. Questo è l’obiettivo del progetto pilota “Smart simultaneous care: spazio amico”, avviato per la prima volta in Sicilia, in virtù di una collaborazione gratuita tra l’azienda ospedaliero universitaria Policlinico “G. Rodolico – San Marco” che dispone dell’unico centro di emato-oncologia pediatrica della Sicilia orientale e l’associazione S.A.M.O.T. Catania ONLUS, ideatrice e capofila del progetto stesso, per il quale ha ottenuto le risorse economiche dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. L’AOUP, attraverso l’Unità Operativa Complessa di emato-oncologia pediatrica diretta da Giovanna Russo, ha già completato una prima fase di formazione teorico-pratica e continuerà a collaborare, dal punto di vista scientifico e assistenziale, per supportare tutto il personale SAMOT impegnato nella delicata impresa.

“Noi abbiamo immaginato il percorso di cura come una sorta di “porta girevole” –spiega la professoressa Russo- in cui questo progetto aggiunge un altro tassello alla cornice assistenziale già presente e attiva grazie alla collaborazione con le numerose associazioni che ci supportano come Ibiscus con la casa di accoglienza presente all’interno del Policlinico e LAD con la struttura residenziale di riabilitazione psicomotoria WonderLAD e, ancora, grazie alla disponibilità dei pediatri di famiglia e dell’hospice pediatrico, presente presso l’Arnas Garibaldi.

In questa fase che è già operativa, la Samot grazie al proprio personale formato e dedicato, si prenderà cura del bambino e della famiglia nel domicilio del paziente, nelle provincie di Catania e di Enna, con l’auspicio che in futuro questo servizio possa essere esteso a tutta la Sicilia. Le simultaeous care hanno l’obiettivo di ridurre al minimo la permanenza in ospedale per far spazio ad una gestione domiciliare e territoriale che migliori la qualità di vita di tutto il nucleo familiare. Affinchè il progetto pilota abbia un riconosciuto valore scientifico-giuridico e possa fungere da apripista per la standardizzazione di un percorso domiciliare pediatrico dedicato al bambino emato-oncologico ed alla sua famiglia nella regione siciliana, è stato costituito un comitato scientifico, presieduto dal direttore generale dell’AOUP Gaetano Sirna, formato da componenti esperti in materia, come la stessa professoressa Giovanna Russo, l’emato-oncologa pediatra Milena La Spina, il referente scientifico della Samot Vito Digeronimo, il coordinatore di équipe multidisciplinari delle cure palliative della Samot Giulio Mellini e il Consigliere di Stato Rosa Maria Castorina, in qualità di componente giuridico-amministrativo.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche