oasi di troina convenzione provider formazione

Oasi di Troina, la Regione rinnova la convenzione per dieci anni e con più fondi

10 Settembre 2019

L'investimento economico prevede un budget annuo per circa 32 milioni di euro.

 

di

ENNA. Una convenzione decennale, più fondi per le prestazioni socio-sanitarie e ulteriori risorse in ricerca e formazione: è un investimento a lungo termine quello immaginato dal governo della Regione Siciliana che mediante una delibera di Giunta ha rinnovato la convenzione con l’Ircss Oasi Maria Santissima di Troina.

Alcuni punti che caratterizzano il testo convenzionale, promosso dall’Assessorato regionale alla Salute e approvato dall’esecutivo Musumeci, ricalcano quanto già stipulato nei mesi scorsi con l’Ismett di Palermo, ad esempio la durata della convenzione: si passa infatti dai tre anni del precedente accordo, ai dieci del nuovo documento, consentendo così una programmazione più accurata.

L’Assessorato della Salute ha anche aumentato sensibilmente l’investimento economico che prevede un budget annuo per circa 32 milioni di euro e un incremento proporzionale del 7% in funzione della recente istituzione del corso di laurea triennale in “Terapia occupazionale”, in collaborazione con l’Università di Catania, per la Formazione e alla quota del 7% per il triennio clinico (per complessivi Euro 2.275.000,00).

Inoltre si passa dallo stanziamento annuale di un milione di euro per le funzioni non tariffabili per le prestazioni socio-sanitarie ai circa 3.7 milioni di euro della nuova convezione. Sul piano degli investimenti complessivamente l’erogazione annua raggiungerà oltre 38 milioni di euro.

Novità anche per quanto riguarda il management aziendale. La nomina del direttore generale da parte dall’Associazione “Oasi Maria Santissima”, avverrà infatti sulla base di un’intesa con la Regione, ricalcando il modello adottato per la nomina dei direttori generali delle Aziende Ospedaliero-Universitarie.

Significative, infine, le forme di collaborazione che la struttura di Troina potrà avviare con gli altri IRCCS del Sistema sanitario regionale e nello specifico con quelli che in tutto o in parte, condividono le medesime mission e finalità.

«Come per Ismett- dice il presidente della Regione, Nello Musumeci– anche per l’Oasi Maria Santissima di Troina immaginiamo una capacità progettuale e di azione a lunga scadenza. In particolare, grazie alle collaborazioni con le altre Aziende e con l’Università sarà in grado di esercitare una programmazione ancora più efficace nel territorio della Sicilia centrale, divenendo al tempo stesso più attrattiva anche per altre aree dell’Isola».

Per l’assessore alla Salute, Ruggero Razza «l’Oasi è un’eccellenza che va custodita e rafforzata per questo abbiamo voluto raccogliere l’input del presidente Musumeci che ha chiesto di definire un orizzonte più ampio a partire proprio dalla convenzione. Anche in questo ambito si stanno costruendo le condizioni per raggiungere, nel tempo, una situazione al passo con i tempi».

Don Silvio Rotondo, presidente dell’Irccs Oasi di Troina esprime soddisfazione e gioia per l’approvazione della nuova Convenzione: «Ringraziamo il Signore per i benefici nuovi e grandi che sono in questa Convenzione. Ringrazio di cuore chi ha curato, dal nostro interno, la stesura della Convenzione, quanti ci  hanno sostenuto a Palermo e quanti, in  maniera nascosta con la preghiera e con la parola adatta, hanno fatto si che questo segno arrivasse in questi giorni particolari per noi, essendo vicino il 2° anniversario della morte di padre Ferlauto, fondatore dell’Oasi».

Poi aggiunge: «È stata approvata la Convenzione senza la parte riguardante le funzioni assistenziali, per le quali, speriamo in questi giorni, l’Assemblea Regionale deliberi a nostro favore quanto convenuto grazie agli impegni già espressi a parole nei nostri confronti. Ci auguriamo che l’Assessorato alla Famiglia sostenga in pienezza il concretizzarsi di questa parte della Convenzione ancora necessaria allo sviluppo della nostra Opera. Per tutti coloro che hanno in cuor loro o pubblicamente espresso ironia o attacco alla nostra proposta annunziata alla fine dell’anno scorso, i fatti ci hanno dato ragione; chiedo a tutti una maggiore fiducia nei confronti della Dirigenza di questo Istituto».

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV