Case di cura

L'annuncio

Oasi di Troina, il nuovo direttore sanitario è Giuseppe Calamusa

Il presidente Don Silvio Rotondo gli ha rivolto migliori auguri per questo nuovo incarico.

Tempo di lettura: 2 minuti

Il dott. Giuseppe Calamusa (a destra nella foto) è il nuovo direttore sanitario dell’Irccs Oasi di Troina. La nomina arriva dal Presidente dell’Istituto di Ricerca, Don Silvio Rotondo (a sinistra), dopo aver valutato positivamente l’esperienza e la professionalità. Il nuovo Direttore Sanitario proviene dall’Università degli Studi di Palermo,  è un ricercatore afferente alla Scuola di Medicina e Chirurgia, professore aggregato di Igiene generale ed applicata, con attività di docenza in diversi Corsi di Studi e nella Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva.

Ha ricoperto anche il ruolo di dirigente medico della Direzione Sanitaria di presidio del Policlinico Giaccone di Palermo, con incarico, da ultimo, di Responsabile dell’U.O. Prevenzione e Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere ed ha all’attivo numerose pubblicazioni scientifiche su argomenti di sanità pubblica e di igiene ed organizzazione dei servizi sanitari ospedalieri.

Il dott. Calamusa è anche componente, dal 2016, del Direttivo regionale della Sezione Sicilia dell’ANMDO (l’Associazione Nazionale dei Medici delle direzioni ospedaliere).

Il presidente dell’Oasi, Don Silvio Rotondo, ha rivolto al dott. Calamusa i migliori auguri per questo nuovo incarico e ha ringraziato inoltre il dott. Carmelo Zingale per la sua attività di Direttore Sanitario come Facente Funzioni in questi mesi.

Calamusa ha già preso servizio e, esprimendo compiacimento per la nomina avuta, ha manifestato piena e assoluta disponibilità a lavorare e collaborare, sin da subito, con tutti coloro che operano nell’Oasi: «La ricerca e l’umanizzazione delle cure costituiscono la missione di questo Istituto anche grazie al sacrificio ed alla passione di tutti gli operatori che vi lavorano. La mia attività in questo centro prestigioso è, per me, motivo di orgoglio e rappresenta una nuova sfida professionale. L’auspicio è di lavorare, tutti in sinergia, per offrire la migliore assistenza ai pazienti che trovano nell’Oasi un punto di riferimento importante, certamente un fiore all’occhiello della sanità siciliana nel campo della disabilità».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche