sciopero demansionamento

Nursing Up: “Per la giornata internazionale dell’infermiere ricordiamoci di chi ha dato la propria vita per salvarne altre”

12 Maggio 2020

"Tutti noi stiamo attraversando un periodo di stress fisico e psicologico che ci sta mettendo a dura prova. Sono sicuro però – afferma il segretario regionale Nursing Up Gioacchino Zarbo – che la figura dell’infermiere uscirà rafforzata alla fine di questa emergenza"

 

di

“Il 12 maggio celebreremo la giornata internazionale dell’infermiere. Una ricorrenza che quest’anno assume un significato sicuramente più profondo, in considerazione dell’emergenza sanitaria che tutto il mondo sta attraversando” afferma Gioacchino Zarbo, segretario regionale del Nursing Up. “Tutti gli infermieri italiani stanno dando prova di grande dedizione. E’ un periodo doloroso e faticoso per tutti, ma lo è ancor di più per gli infermieri che da mesi sopportano rinunce, preoccupazioni, turni di lavoro massacranti con l’aggravante della continua minaccia di contrarre il virus. Uno stress fisico e psicologico che ci sta mettendo a dura prova. Sono sicuro però – continua Zarbo – che la figura dell’infermiere uscirà rafforzata alla fine di questa emergenza. Insieme a medici ed operatori sanitari veniamo definiti eroi, questo ci gratifica ma, purtroppo, non risolverà le tante problematiche che attanagliano la nostra professione. Troppi colleghi si trovano a dover fare i conti con contratti di lavoro atipici, troppo spesso a tempo determinato, con livelli salariali non adeguati e con il sistematico abuso delle prestazioni occasionali o a partita iva, per non parlare delle carenze in organico, tanto nelle strutture pubbliche che nelle strutture pubbliche, che costringono gli infermieri italiani a turni di lavoro che vanno ben oltre i limiti previsti dalla legge, senza poter neanche usufruire dei turni di riposo minimi previsti per legge. Al termine di questa crisi su questo si dovrà ragionare, sui diritti degli infermieri che non devono più essere calpestati, perché oggi ormai tutti gli italiani hanno capito che un diritto negato ad un infermiere, come ad un medico o ad un tecnico/operatore sanitario è una minaccia al diritto alla salute dei cittadini. Il nostro pensiero in occasione della giornata nazionale dell’infermiere – conclude Gioacchino Zarbo – non può che andare a tutti i familiari dei nostri colleghi che hanno sacrificato la loro vita per salvare quella dei pazienti. Loro sì, eroi lo sono stati davvero”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV