Nuovo Pronto soccorso al Civico, il Cimo: «È a forte rischio di inadeguatezza»

8 maggio 2018

Tutti i dubbi del sindacato dei medici sulla nuova area di emergenza dell'ospedale palermitano.

 

di

PALERMO. «Con l’inaugurazione odierna è stato lanciato un sasso nello stagno: inaugurare un pronto soccorso per uscire dall’immobilismo». Lo afferma Angelo Collodoro, vice segretario regionale del Cimo, a proposito del taglio del nastro di oggi all’ospedale Civico.

«Uno degli aspetti pericolosi e demagogici di questa inaugurazione è annunciare la possibilità di un ampliamento dei posti letto all’interno del Pronto Soccorso da 18 fino a 50 secondo le esigenze- aggiunge l’esponente del sindacato dei medici- Una tale soluzione è negata da tutte le società scientifiche che concordano unanimemente sulla assoluta inadeguatezza di tale risposta».

Secondo Collodoro «al fenomeno del sovraffollamento del pronto soccorso si risponde con una capacità manageriale di gestione dei posti letto all’interno dell’ospedale, piuttosto che triplicando i posti letto e finendo con il creare dei PS lager in contesti che, come a tutti e noto, scarseggiano di personale in dotazione».

Infine, dal Cimo sottolineano: «Il pronto soccorso non può avere posti letto per definizione, è la negazione della sua stessa essenza. Questa soluzione, però altro diametralmente opposta al documento sul tavolo tecnico dell’assessorato alla Sanità, dimostra solo l’inadeguatezza e la demagogia delle soluzioni».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV