infermieri assunzioni contratti di lavoro

ASP e Ospedali

Il dato

Nuove strutture sanitarie del Pnrr, la Uil: «Nel Messinese serviranno 729 assunzioni»

Il dipartimento welfare guidato dal segretario nazionale Santo Biondo ha elaborato un approfondito studio di settore.

Tempo di lettura: 2 minuti

Il dipartimento welfare della Uil guidato dal segretario nazionale Santo Biondo ha elaborato un approfondito studio di settore dal quale si evince che nella provincia di Messina, per la puntuale applicazione del DM 77, serve un piano di assunzioni del comparto sanità di ben 729 unità per un costo totale pari a 22.047.800 euro. Lo rendono noto Ivan Tripodi, segretario generale Uil Messina, Livio Andronico, segretario generale Uil Fpl, e Pippo Calapai, segretario generale Uil Pensionati.

ECCO IL PIANO
– 18 Case della comunità: dovranno essere complessivamente dotate di 198 infermieri, 18 coordinatori infermieristici e 144 unità di supporto di diversi profili professionali;
-5 Ospedali di comunità: dovranno essere assegnati 50 infermieri, 5 coordinatori infermieristici, 144 operatori sociosanitari e 132 operatori con funzioni riabilitative;
-6 Centrali operative territoriali: la dotazione organica prevista è di 30 infermieri di famiglia, 6 coordinatori infermieristici, 6 infermieri case manager e 6 assistenti sociali.

Dal sindacato sottolineano: «Tutti i dati espressi per la realizzazione del DM 77 nella provincia di Messina escludono dal calcolo il numero dei medici occorrenti ed i relativi costi da sostenere. La sanità messinese mostra un quadro complesso caratterizzato da molti punti critici riguardanti i presidi ospedalieri e la medicina territoriale. Pertanto è fondamentale intervenire per rilanciare la centralità della sanità pubblica e per ridurre i tempi di attesa, soprattutto negli esami di diagnostica, nonché per migliorare il rapporto infermieri/pazienti e per accelerare i tempi per la realizzazione di una medicina territoriale che dia risposte soprattutto alle fasce più vulnerabili della popolazione”.

Tenuto conto che le strutture sanitarie territoriali dovranno, pena la restituzione delle risorse del Pnrr assegnate, essere completate e messe in funzione entro il 2026, la Uil, Uil Fpl e la Uil Pensionati ritengono «indispensabile un urgente confronto con il Commissario straordinario dell’Asp di Messina Giuseppe Cuccì al fine di conoscere lo stato di realizzazione delle strutture previste dal citato DM 77 e, altresì, per approfondire lo scottante tema dell’abbattimento delle liste d’attesa».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche