Nuove norme per i precari, la Fsi-Usae: «Nella Sanità siciliana oltre 2.000 da stabilizzare»

4 Gennaio 2020

Il sindacato commenta così le novità sui requisiti previste dalla Legge di Bilancio.

 

di

La Fsi-Usae Sicilia esprime “grande soddisfazione” per l’approvazione della Legge di Bilancio, che prevede l’assunzione a tempo indeterminato dei lavoratori precari che hanno maturato i requisiti al 31 dicembre 2019 e che sarà possibile fino al 31 dicembre del 2022 (estendendo i termini della legge Madia).

Il sindacato guidato da Calogero Coniglio (nella foto) sottolinea che «nella Sanità siciliana sono oltre 2 mila i precari da stabilizzare. La Fsi-Usae Sicilia sul tavolo alla Regione ha sempre sostenuto la possibilità di stabilizzare i precari unitamente alle altre organizzazioni sindacali, con un lavoro incessante che dura da più due anni, attività che rientra nella fattiva collaborazione tra Regione e parti sociali».

«Questa Organizzazione Sindacale solleciterà le Amministrazioni per definire le dotazioni organiche e l’ammissione delle stabilizzazioni. L’auspicio è che in futuro venga chiusa la triste pagina del precariato. Confidiamo in una celere attuazione della Regione Siciliana- prosegue la nota- per concludere presto questa partita di stabilizzazioni e proseguire sempre attraverso proficue relazioni sindacali».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV