reumatici

Nuova rete ospedaliera, arriva il plauso delle Associazioni dei Malati Reumatici Siciliani

10 Febbraio 2019

In una nota sottolineano: «Finalmente è previsto il riconoscimento della reumatologia come entità a struttura autonoma».

 

di

PALERMO. «Si è riaccesa la speranza nel cuore di migliaia di malati reumatici siciliani dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale Regionale della nuova rete ospedaliera».

Lo scrive in una nota inviata Salvatore Filetti, incaricato alla comunicazione dalla rete delle Associazioni dei Malati Reumatici Siciliani, sottolineando che “sono circa dieci anni che in Sicilia tutte le associazioni, espressioni delle varie patologie reumatiche, unite tra loro, rivendicano il riconoscimento della reumatologia ospedaliera come entità a struttura autonoma”.

Già nel 2012 erano riusciti ad ottenere un decreto che istituiva la Rete Reumatologica, ma il DM 70/2015 aveva rimesso tutto in discussione.

«Nella bozza di riordino del precedente governo regionale addirittura scompariva tutta la reumatologia, per un cosiddetto refuso. Questo spiega la trepidante attesa nel vedere ufficializzati tutti gli accordi che si erano riusciti ad ottenere nei vari incontri con gli organi istituzionali. In pratica i vari centri ospedalieri, dove affluiscono le forme più complicate delle malattie reumatiche, e che prima dipendevano in buona parte dai reparti di medicina, nel nuovo decreto vengono classificati in unità operative complesse, dipartimentali e semplici: questo predispone ad un organico completo ed efficiente».

Le malattie reumatiche colpiscono circa il 10% della popolazione e, anche se la parte preponderante è rappresentata dalle artrosi, sono le artriti ad avere l’aspetto più drammatico. Queste ultime possono insorgere a qualsiasi età, compresa quella pediatrica, con un andamento cronico ed una evoluzione invalidante.

Nell’ultimo decennio l’apporto di nuovi farmaci, quali quelli biotecnologici, ha migliorato la qualità di vita di molti pazienti, ma ha aumentato notevolmente il numero delle prestazioni negli ambulatori ospedalieri di reumatologia autorizzati all’utilizzo di questi farmaci.

La carenza di personale medico e paramedico di questi centri ha indotto lunghe liste di attesa o la necessità di spostarsi in altre regione (viaggi della speranza).

Dalle Associazioni dei Malati Reumatici Siciliani sottolineano: «Grazie all’assessore Razza che ha saputo dare ascolto alle associazioni, alla loro delegata Teresa Perinetto, presidente dell’ASIMAR, ai reumatologi regionali referenti delle società scientifiche; grazie al supporto della presidente della VI commissione Margherita la Rocca Ruvolo e del vicepresidente Francesco Cappello, oggi i malati reumatici tornano a sperare in una reumatologia migliore. Rimane adesso da completare gli organici in tempi rapidi, dando alla reumatologia l’attenzione e la priorità che gli spetta».

Nella foto: le Associazioni dei Pazienti, i Medici reumatologi e i referenti dell’assessore Razza.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV