Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

La lettera dei parenti

«Nonna Saveria, salvata a 101 anni grazie alla Gastroenterologia dell’Arnas Civico»

L'anziana con grave patologia biliopancreatica è stata operata con successo da Roberto Di Mitri e dal suo staff sanitario.

Tempo di lettura: 2 minuti

Riceviamo e pubblichiamo (autorizzati a pubblicare le generalità)

“In questo particolare momento di grave emergenza, dove appare estremamente difficoltoso da parte degli operatori e delle strutture sanitarie assicurare l’ordinaria assistenza a soggetti che accusano patologie diverse, è doveroso da parte di noi familiari della Signora Ponte Saveria, di oltre 101 anni di età, dover accendere un faro di attenzione e di interesse per illuminare l’Unità Operativa complessa di “Gastroenterologia ed endoscopia digestiva” diretta dal Dott. Roberto Di Mitri (nella foto)”.

“La paziente, infatti, accusando improvvisi e gravi problemi di salute, è stata prontamente visitata dal Dott. Di Mitri e da questi, accertata la grave patologia biliopancreatica, operata con una procedura endoscopica complessa in ragione dell’imminente pericolo di vita”.

“Allo stesso ed al suo staff sanitario, per le qualità professionali ed umane dimostrate sia nella fase operatoria che durante la breve degenza post-operatoria presso altra struttura ospedaliera, non possiamo che esprimere la nostra gratitudine e riconoscenza per aver salvato la vita ad una persona fragile per condizione di salute e, soprattutto, per l’età avanzata”.

“Tutto ciò, a sconfessare l’ingiustificata generalizzazione attribuita ad una presunta mala sanità, quando invero, con il caso qui rappresentato viene dimostrata dal sistema prontezza, efficienza ed alta professionalità, qualità queste non disgiunte da grande umanità”.

“Per concludere, noi parenti con la presente ci facciamo latori del personale ringraziamento di nonna Saveria la quale a distanza di pochi giorni dall’intervento è tornata al proprio domicilio e gode di buona salute”.

Le figlie Bice, Maria e Vita
e i nipoti tutti

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati