Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Salute e benessere

Iniziativa del Comitato Cittadino Salute

«No all’impianto per i rifiuti pericolosi»: Scicli, oltre 5000 in corteo ed è pronto pure un ricorso al Tar

Iniziativa del Comitato Cittadino Salute contro l'ipotesi di realizzazione della struttura: giovani, anziani e studenti tutti a protestare pacificamente.

Tempo di lettura: 2 minuti

SCICLI. È stata una mega festa contro il (previsto) mega impianto per rifiuti pericolosi: ieri gli sciclitani hanno scritto una grande pagina di democrazia.

Promossa dal Comitato Salute e Ambiente di Scicli, si è tenuta una manifestazione che ha superato le più ottimistiche previsioni degli organizzatori: 5.000 persone (dicono gli esperti) hanno pacificamente marciato da piazza Carmine, stracolma già alle 20, a piazza Italia – passando per corso Umberto – fino ad arrivare davanti al Municipio.

Basti solo pensare che quando la testa del corteo ha superato via Ospedale, la coda era alle scuole elementari di S. Nicolò! C’erano tutti: i cittadini, i giovani, gli anziani, le parrocchie, le associazioni di volontariato e quelle di categoria, i sindacati, i partiti, tanti provenienti da ogni parte della provincia di Ragusa:

«Una forza tranquilla» (per citare Mitterrand) che ha detto 5.000 NO ai rifiuti pericolosi e 5.000 SÌ alla salute, all’agricoltura, al turismo.

Gli slogan: “Scicli Montalbano, NON Scicli mmunnizzaro!”, “Questa mattina mi son svegliato e ho trovato il compattatore”, “Arà arà arà, Scicli NON mollerà”, “Non ci basta la sospensione: via il decreto di autorizzazione!”, Vogliamo la felicità, basta con le impurità”…

La prospettiva del mega impianto per rifiuti cozza fortemente contro lo sviluppo di Scicli, questo – in sintesi – hanno detto gli oratori che hanno parlato alla fine della manifestazione.

Con la conduzione di Federica Schembri, alcuni rappresentanti del Comitato Salute e Ambiente (Scifo, Carpino, Iurato, Buscema, Conti, Burletti, Schillaci) hanno ringraziato quanti hanno collaborato alla mobilitazione, dai cittadini ai parlamentari (e in primo luogo chi ha compiuto atti concreti: Assenza, Di Pasquale, Digiacomo) e hanno esortato a continuare l’impegno in questa battaglia.

Infatti le sospensioni approvate in questi giorni dalla Regione sono solo temporanee e il ricorso al TAR è già pronto.

Inoltre i relatori si sono rivolti alla Commissione ministeriale, ai politici attualmente in carica e ai futuri amministratori della città, affinché si dia esecuzione in maniera definitiva ai vincoli urbanistici sulla zona di Truncafila e Cuturi, già approvati dai precedenti Consigli Comunali.

Di grande impatto gli interventi degli alunni delle scuole elementari e degli studenti delle scuole superiore: il loro apporto ha reso ancora più gioioso il corteo, e fa ben sperare che le nuove generazioni abbiano chiaro sin da giovani di quanto sia importante il rispetto per l’ambiente.

Per avere informazioni sulle prossime iniziative: https://www.facebook.com/saluteambientescicli/

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati