Emergenza urgenza

La sentenza

Nessun trasferimento d’azienda tra Sise e Seus: non dovuti 19 milioni all’Inps

La sezione lavoro del Tribunale di Palermo ha accolto la tesi della Partecipata che cogestisce il 118 in Sicilia. La soddisfazione del legale e del presidente.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Nessun trasferimento d’azienda tra la ex Sise, società della Croce rossa, e la nuova azienda Seus che cogestisce il servizio di emergenza del 118 in Sicilia. Così non sono dovuti i 19 milioni richiesti dall’Inps che aveva contestato inadempienze della Seus in merito all’assunzione dei lavoratori licenziati da Sise Spa. Lo ha decisione il giudice Santina Bruno della sezione lavoro del Tribunale di Palermo.

Secondo l’Inps la Seus avrebbe goduto indebitamente dei benefici contributivi previsti dalla legge 223 del 91 per l’assunzione del personale ex Sise poiché vi era stato un trasferimento di tra le due aziende che avrebbero operato in continuità. Il tribunale ha accolto le tesi della Seus, difesa dall’avvocato Alessandro Cucchiara, che ha sostenuto che tra Sise e Seus non si è mai realizzato un trasferimento di azienda «secondo il modello normativo come peraltro ritenuto ormai pacificamente dalla Suprema Corte di Cassazione- spiega il legale della Seus- vista la natura assolutamente nuova della organizzazione aziendale subentrante nella gestione del servizio 118 in Sicilia. L’assunzione del personale proveniente da Sise si è resa necessaria per Seus al fine di ottemperare a precisi accordi politico-sindacali tra l’assessorato regionale della Salute, la Cgil, la Fials, Cisl, Ugl, per il mantenimento dei livelli di occupazione del personale alle dipendenze del servizio di emergenza urgenza sanitaria 118».

Non essendoci stato trasferimento di azienda tra Sise e Seus non vi è stata da parte di Seus neanche l’indebita percezione delle agevolazioni contributive per l’assunzione del personale proveniente dalla vecchia società. «Siamo soddisfatti, al termine di una vicenda pluriennale sono state accolte le nostre ragioni- dice il presidente ff della Seus, Pietro Marchetta (nella foto)– Ciò è molto importante per la salvaguardia degli equilibri di bilancio della Seus e conseguentemente per la stabilità occupazionale degli oltre 3.000 dipendenti di questa fondamentale società partecipata della Regione». (ANSA).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche