Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
elisoccorso

Emergenza urgenza

Trasportato in elisoccorso

Neonato asfittico, da Palermo una corsa contro il tempo: salvato al Policlinico di Messina

Il bimbo era stato partorito a Villa Serena. Da qui la chiamata al servizio Sten di Villa Sofia-Cervello e dopo aver verificato velocemente la mancanza di posti sia a Palermo che al Cannizzaro di Catania è stato deciso il trasporto con l'elisoccorso al "Martino". Il piccolo è stato sottoposto all’ipotermia terapeutica.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Un efficiente e tempestivo raccordo fra Aziende ospedaliere siciliane e servizio 118 salva la vita ad un neonato.

È accaduto fra Palermo e Messina nella notte fra venerdì e sabato scorso. A Villa Serena una mamma dà alla luce un bambino. Il bambino è però asfittico ed ha urgente bisogno del trattamento di ipotermia terapeutica entro sei ore dalla nascita.

Parte da Villa Serena la chiamata per il servizio STEN (Servizio trasporto emergenza neonatale) di Villa Sofia- Cervello di Palermo, che in Sicilia ha il maggior numero di interventi ed è fra i primi dieci in Italia.

Di turno il dr. Mario Tumminello dell’equipe STEN. Al Cervello però non è possibile effettuare il trattamento di ipotermia e quindi si attiva l’Ospedale Civico, ma anche lì non c’è il posto. Viene attivata quindi la macchina del 118.

Si tenta al Cannizzaro di Catania ma anche lì non c’è disponibilità. Il dr. Tumminello non si perde d’animo e riesce a trovare la disponibilità al Policlinico di Messina.

In tempo reale con il 118 viene organizzato da Boccadifalco il trasporto in elicottero e in appena 50 minuti il bambino arriva al Policlinico di Messina dove viene sottoposto all’ipotermia terapeutica a poco tempo dalla nascita.

«Il Servizio STEN- sottolinea il Direttore Generale di Villa Sofia-Cervello, Walter Messina– è da anni un fiore all’occhiello della nostra Azienda. Siamo orgogliosi dunque che sia partita da qui una macchina operativa che, grazie al raccordo fra diversi soggetti, abbia assicurato un servizio di grande efficienza in grado di salvare la vita ad un bambino».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati