Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Neonatologia

Neonati prematuri, Asp di Trapani verso nuovi protocolli di monitoraggio

Il tema è stato discusso durante un incontro organizzato dal direttore dell’Unità operativa di Neonatologia dell’ospedale S. Antonio Abate in occasione della Giornata mondiale della Prematurità.

Tempo di lettura: 2 minuti

TRAPANI. Sono circa .2800 i neonati ogni anno nel territorio trapanese. Di questi circa 200 sono prematuri, che trovano assistenza e vengono seguiti nei punti nascita per le cure necessarie comprese le cure intensive per i casi più gravi.

I neonati prematuri contribuiscono a più del 50% delle morti in epoca neonatale e a circa il 40% di quelle infantili e presentano un elevato rischio di gravi esiti a distanza: neurosensoriali, cognitivi, respiratori, per cui è necessario un monitoraggio costante dello sviluppo attraverso specifici protocolli di follow-up.

La necessità di definire un appropriato modello organizzativo e un protocollo di follow-up condiviso tra neonatologie e neuropsichiatrie per il monitoraggio del neonato pretermine sono stati alcuni dei temi al centro dell’incontro organizzato dal direttore dell’Unità operativa di Neonatologia dell’ospedale S. Antonio Abate, Stefano Daidone, nella struttura sanitaria, in occasione della Giornata mondiale della Prematurità.

Alla riunione hanno partecipato le famiglie dei neonati prematuri curati dagli operatori del reparto di Neonatologia dell’ospedale, tutti gli operatori sanitari, e il direttore generale dell’Asp di Trapani, Fabio Damiani, il Vescovo di Trapani, Pietro Maria Fragnelli, l’assessore comunale Vincenzo Abbruscato.

Tra gli obiettivi da raggiungere nel breve periodo, l’implementazione di programmi finalizzati all’ottimizzazione dei livelli di assistenza neonatale coerenti con le esigenze di umanizzazione delle cure del pretermine.

Nel corso dell’incontro l’Associazione ‘Mani di Mamma’ ha fatto un donazione di manufatti a maglia ai bambini prematuri dell’ospedale trapanese.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati