Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

L'intervento di Beatrice Lorenzin

Morte dopo l’aborto, il ministro: «Nessuna obiezione di coscienza quando si deve salvare la vita di una donna»

L'intervento di Beatrice Lorenzin sul caso di Catania: «Sono due questioni che attengono a sfere diverse».

Tempo di lettura: 1 minuto

ROMA. «L’obiezione di coscienza attiene al profilo deontologico e riguarda la coscienza dei medici, ma non ha a che fare con casi come questo:  attiene infatti all’interruzione volontaria di gravidanza e non in casi in cui si tratta di salvare la vita di una donna»: lo afferma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in riferimento al caso della donna incinta di due gemelli morta a Catania, aggiungendo: «Sono due questioni che attengono a due sfere diverse».

Il ministero ha già inviato gli ispettori della task force all’ospedale Cannizzaro di Catania.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati