Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

L'interrogazione all'Ars

Mobilità del personale sanitario in Sicilia, Palmeri: «Accelerare le procedure»

Ecco la risposta dell’Asp di Caltanissetta all’interrogazione parlamentare e alle note della deputata regionale di Attiva Sicilia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Sembra che si stiano sbloccando le procedure di mobilità per il personale della sanità in Sicilia. È quanto emerge dalla risposta dell’Asp di Caltanissetta all’interrogazione parlamentare e alle note della deputata regionale di Attiva Sicilia, Valentina Palmeri.

In particolare, si muove qualcosa nell’ambito delle procedure per il profilo professionale di Cps Infermiere con 26 infermieri già immessi in ruolo, 3 che prenderanno servizio a breve e altri 11 in attesa di nulla osta da parte delle aziende sanitarie di provenienza. Per quanto concerne la stabilizzazione per il profilo di operatore socio sanitario sono 30 gli oss immessi in ruolo, 21 sono in attesa di nulla osta e per 30 è stato programmato l’invio di lettere per la richiesta di nulla osta. Sul fronte della mobilità volontaria di infermieri ci sono 79 posti da mettere a bando (più dei 63 inizialmente previsti).

Ancora al palo, secondo la nota ricevuta dall’Asp di Palermo, invece, la procedura di mobilità per un’altra selezione di collaboratore professionale infermiere: l’azienda sanitaria sta procedendo a ulteriori verifiche e si attende l’esito di un ricorso per procedere alla mobilità. Per gli operatori socio sanitari a Palermo è in corso l’istruttoria per la verifica dei requisiti di ammissione.

«Con diversi interventi parlamentari, tra cui un’interrogazione – spiega Palmeri – ho cercato di capire il perché alcune graduatorie per profili professionali di sanitari fossero ferme proprio in un momento in cui invece andrebbe assunto personale negli ospedali e nei vari presidi per coprire il maggior fabbisogno in tempi di pandemia. Ho appreso quindi che in alcune Asp qualcosa si sta muovendo, in altre no. È necessario accelerare queste procedure e per questo continuerò a monitorare la situazione nei prossimi mesi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati