ASP e Ospedali

La polemica

Mobilità dei medici, botta e risposta tra sindacati e Asp di Palermo

L'accusa: "Impossibilitati ad avere una sede lavorativa più vicina alla propria residenza". La replica: "Prioritario il diritto alle cure dei cittadini".

Tempo di lettura: 3 minuti

«Medici con una lunga anzianità di servizio impossibilitati ad ottenere una sede lavorativa più vicina alla propria residenza. L’Asp di Palermo nega la mobilità ai medici che lavorano in strutture di provincia come Partinico, Corleone, Petralia, Cerda, Lercara Friddi, Castelbuono, Cefalù».

Lo denuncia in una nota un ampio fronte sindacale formato da Aaroi-Emac, Anaao-Assomed, Cgil Medici, Cimo Fesmed, Fials Fvm e Uil Medici. 
Le sigle segnalano “la mancanza di chiarezza e l’inosservanza delle disposizioni contrattuali da parte dell’Asp di Palermo in ordine alle modalità e ai criteri adottati per l’espletamento delle procedure di mobilità interna del personale dirigente medico”.

Contattata da Insanitas, l’Asp di Palermo replica difendendo il proprio operato: “I diritti dei lavoratori sono sacrosanti ma non possono avere la prevalenza rispetto al diritto alle cure dei cittadini”.

Secondo i sindacati ad esempio “i dirigenti medici psichiatri sono penalizzati dal recente concorso pubblico e scavalcati quindi nelle scelte delle sedi da medici più giovani. La mancata attivazione della procedura di mobilità interna non consente al personale assunto a tempo indeterminato e con maggior anzianità di servizio, il riavvicinamento alla sede desiderata, che nel frattempo viene invece occupata dai neoassunti. L’ufficio Risorse umane dell’Asp avrebbe avviato l’iter per l’avviso che però sarebbe bloccato dalla Direzione generale. Inoltre l’avviso di mobilità per i medici ginecologi non prevede le sedi cittadine mentre le sedi citate come disponibili erano già state assegnate con il precedente concorso e non si comprende perchè siano adesso libere”.

Criticità anche per i dirigenti medici di Radiologia, “per i quali risultano concluse le procedure del concorso espletato nel mese di luglio 2023, ma tutt’oggi, non è stato pubblicato l’avviso di mobilità interna. Per tale concorso, non si comprende, inoltre, quali siano le motivazioni per la riduzione da 15 a 12 del numero di medici da assumere considerate le diverse assenze, cioè 4 unità, per il giusto godimento dell’astensione obbligatoria per maternità e la necessità di procedere al recupero delle liste d’attesa permettendo un miglior utilizzo delle apparecchiature”.

Nella nota indirizzata al presidente della Regione e all’assessore alla Salute, i sindacati evidenziano inoltre «anomalie anche per quelle mobilità che invece sono avvenute ma senza seguire procedure trasparenti, e con tante assegnazioni temporanee che si traducono poi in vere e proprie corsie privilegiate di mobilità interna, che rendono alquanto opachi i processi di gestione del personale, creano malumore ed innescano contenziosi che sicuramente non tornano utili alla missione aziendale».

La replica dell’Asp di Palermo

Contattata da Insanitas, l’Asp di Palermo replica così: “Compito e responsabilità della Direzione strategica è di garantire la continuità dei servizi assicurando un’organizzazione funzionale alla domanda di salute dei cittadini in un periodo, tra l’altro, gravato dalle ferie del personale. La momentanea sospensione delle procedure di mobilità interna è stata dettata dalla considerazione che le nuove graduatorie non sono immediatamente fruibili, in quanto composte, in gran parte, da medici specializzandi che, com’è noto, non possono da soli sostenere l’attività, e cioè fino a quando non avranno conseguito il titolo”.

“Le poche assegnazioni, finora, fatte di nuovi Dirigenti medici vincitori di concorso (in possesso della specializzazione) hanno avuto tutte carattere di provvisorietà e si è impedito che- a fronte, inoltre, di rinvii, rinunce e mancate assunzioni da parte dei nuovi vincitori- i processi di mobilità favorissero, in questa fase, il trasferimento da sedi decentrate a favore della copertura di posti in altre strutture, tutto ciò, come detto durante l’estate quando la continuità dei servizi è posta a dura prova dalle ferie. I diritti dei lavoratori sono sacrosanti ma non possono avere la prevalenza rispetto al diritto alle cure dei cittadini” concludono dall’Asp di Palermo.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche