Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
Policlinico di Messina prelievo organi maxi tumore adenomi ipofisari meningite energia elettrica portale web tumori neuroendocrini

Policlinici

Cardiochirurgia

Messina, innovativo intervento di sostituzione della valvola aortica

Frutto della collaborazione tra Papardo e Policlinico “Martino”, è stato effettuato con modalità percutanea transcatetere e durante assistenza ventricolare con ECMO. La paziente, 87 anni, è stata dimessa.

Tempo di lettura: 2 minuti

Eseguito per la prima volta nella città di Messina delicatissimo intervento di sostituzione percutanea transcatetere di Valvola Aortica (TAVI) durante assistenza ventricolare con ECMO (Ossigenazione extracorporea a membrana). L’intervento è frutto della collaborazione tra l’UOC di Cardiochirurgia dell’Ospedale Papardo diretta dal Prof. Francesco Patanè e, e la e la UOSD di Cardiologia Interventistica del PoliclinicoMartino” di Messina, diretta dal Prof. Antonio Micari e la UOC di Cardiologia diretta dal Prof. Gianluca Di Bella.

L’Equipe, composta dal Prof. Francesco Patanè, dal Prof. Antonio Micari e dai Dott.ri Piero Iannello, Gianni Mobilia, Giampiero Vizzari, Fabrizio Ceresa e Umberto Maisano, ha sottoposto all’intervento di sostituzione valvolare percutanea per “stenosi aortica serrata”, una donna di 87 anni con severa disfunzione ventricolare sinistra e recente shock cardiogeno, ricoverata per più di un mese presso il reparto COVID del Policlinico “G. Martino” per infezione da SARS-CoV-2, complicata da polmonite bilaterale e residua fibrosi polmonare, da poco negativizzata al virus.

Proprio le precarie condizioni della paziente, da giorni allettata con bassi valori di pressione arteriosa, hanno richiesto durante l’intervento cardiaco valvolare, avvenuto a paziente in anestesia locale per via percutanea inserendo la valvola tramite l’arteria femorale a livello dell’inguine, il posizionamento del dispositivo di supporto di circolo ECMO. Questo si è reso necessari per mantenere un’adeguata circolazione sanguigna e l’ossigenazione ematica anche durante le fasi più critiche dell’operazione ad elevato rischio di arresto cardiaco. L’intervento è stato privo di complicanze e la signora è stata dimessa a domicilio a riabbracciare i propri cari.

Grazie alla convenzione stipulata tra “Papardo” e Policlinico “G. Martino” che coinvolge il Dipartimento Cardio-Toraco-Vacolare e l’UOSD di Cardiologia Interventistica, per l’esecuzione di interventi avanzati di Cardiologia Interventistica “Strutturale”, infatti, già da alcuni mesi la città di Messina dispone di un’equipe integrata di cardiochirurgia e interventistica cardiovascolare con esperienza maturata presso centri nazionali e internazionali nell’esecuzione di interventi valvolari percutanei ad elevata complessità.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati