Messina, il deputato regionale Picciolo lancia l’allarme: «Emergenza personale al 118»

2 aprile 2016

Il capogruppo all'Ars di Sicilia Futura: «Gli addetti sono costretti a sguarnire la rete cittadina del servizio per compiere viaggi, anche fuori provincia, alla ricerca del posto letto per il ricovero dei pazienti sottoposti a trattamento sanitario obbligatorio». Da qui l'appello a Crocetta e Gucciardi per risolvere il problema.

 

di

MESSINA. «Il personale del 118 messinese è costretto a sguarnire la rete cittadina del servizio per compiere viaggi, anche fuori provincia, alla ricerca del posto letto per il ricovero dei pazienti sottoposti a trattamento sanitario obbligatorio».

Lo afferma il capogruppo all’Ars di Sicilia Futura, Beppe Picciolo, con un’interrogazione rivolta al Presidente della Regione ed all’assessore alla Salute, Baldo Gucciardi, per avere un quadro preciso della situazione emergenza 118 a Messina.

«Al medico del servizio sanitario del 118 viene richiesto sempre più spesso di affrontare problematiche psichiatriche gravi che posseggono il carattere di urgenza- afferma il deputato regionale- Altrettanto spesso le scelte da fare sono molto difficili sia da un punto di vista clinico-terapeutico, sia da un punto di vista legale, ma soprattutto logistico».

Da qui l’appello a Crocetta e Gucciardi, affinché «si  amplino i posti per pazienti psichiatrici acuti sottoposti al T.S.O., o si potenzi urgentemente il parco mezzi/ambulanze e il personale medico e paramedico impegnato nel pronto intervento. In alternativa si copra la “vacatio” del servizio 118 con ambulanze private del volontariato da convenzionare alla bisogna».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Gli articoli più letti

I video più visti

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV