ASP e Ospedali

Il potenziamento tecnologico

Medicina nucleare, a Villa Sofia installata la nuova PET/CT

Consente una diagnosi accurata e dettagliata delle condizioni cliniche del paziente e sarà operativa da fine maggio 2024.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. È stato installato un nuovo sistema PET/CT presso l’unità operativa complessa di Medicina Nucleare dell’ospedale “Villa Sofia”. L’apparecchiatura di ultima generazione è stata finanziata con fondi del PNRR all’interno della linea di finanziamento M6C2-Innovazione, ricerca e digitalizzazione del Servizio Sanitario Nazionale- e risponde all’obiettivo di ammodernamento del parco tecnologico e digitale ospedaliero. «Si tratta- commenta il commissario straordinario di Villa Sofia-Cervello, Roberto Colletti– di un importante investimento grazie al quale si è potuto raggiungere un traguardo significativo per il potenziamento delle capacità diagnostiche e terapeutiche della nostra azienda, garantendo l’accesso ad un’attrezzatura all’avanguardia in grado di assicurare prestazioni di elevata qualità ed alti standard di sicurezza».

Per l’installazione del sistema sono stati effettuati specifici lavori di adeguamento edile ed impiantistico, con l’obiettivo di assicurare un ambiente ottimale e sicuro per la collocazione della nuova attrezzatura. «La conclusione dei lavori nei tempi previsti- conclude Colletti- il collaudo tempestivo da parte del servizio di Ingegneria Clinica, nonché la sinergia di tutti gli attori coinvolti nel processo hanno consentito di rispettare il cronoprogramma di installazione minimizzando i disagi per l’utenza. Un risultato che dimostra l’efficacia della pianificazione e l’ottimale gestione del progetto che ha saputo ancora una volta combinare risorse umane e finanziarie per massimizzare i risultati in un’ottica di sicurezza e sostenibilità. Altresì, anche dalle tecnologie innovative passa oggi la qualità dell’assistenza e la possibilità di supportare al meglio i nostri assai qualificati professionisti clinici».

Per la nuova PET l’avvio dell’attività clinica (con conseguente formazione del personale dedicato) è previsto per fine maggio. «Il nuovo sistema PET/CT, dotato di tecnologia innovativa- spiega Teresa Maisto, ingegnere clinico dell’unità operativa complessa Servizio Tecnico dell’AOOR Villa Sofia Cervello- combina la tomografia ad emissione di positroni (PET) con la tomografia computerizzata (CT), consentendo una diagnosi accurata e dettagliata delle condizioni cliniche del paziente. Questa tecnologia, dunque, permetterà di offrire esami diagnostici di altissima qualità, contribuendo al miglioramento della qualità delle cure offerte».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche