Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
aggressioni Smi violenza medici legali

Dal palazzo

Vertice tra i presidenti degli Ordini

I medici siciliani lanciano l’Sos: «Si garantisca la sicurezza in ospedali e guardie mediche»

Il tema è stato al centro di un vertice dei presidenti degli Ordini, che si è svolto nella sede dell'Omceo di Caltanissetta.

Tempo di lettura: 1 minuto

Per i medici siciliani si apre una nuova stagione di sfide legate anche ai processi di riforma del Servizio sanitario nazionale, in cui la definizione di ruoli e competenze richiederà sempre più una riflessione sinergica tra istituzioni e professionisti.

Condividere le nuove sfide della sanità da affrontare nell’attuale quadro storico di disorientamento e sofferenza sociale per medici e pazienti, a partire dalla sicurezza e dalla riforma ordinistica targata Lorenzin.

Su questi temi, si è svolto un vertice di tutti i presidenti degli Ordini dei medici siciliani nella sede dell’Omceo di Caltanissetta, che hanno affrontato e condiviso alcune priorità che saranno oggetto di confronto con la nuova governace regionale.

La sicurezza nei posti di lavoro, in particolare nelle guardie mediche, sarà la prima sfida. Obiettivo: arginare i continui atti di violenza subiti dai camici bianchi e da tutti i professionisti della sanità negli ospedali e nelle strutture territoriali, in particolare nelle aree di emergenza, di continuità assistenziale e di prima accoglienza.

Hanno partecipato all’incontro: i presidenti Toti Amato (Omceo Palermo); Massimo Buscema (Catania); Giovanni D’Ippolito (Caltanissetta); Anselmo Madeddu (Siracusa); Giacomo Caudo (Messina); Giovanni Vento (Agrigento); Rosa Giaquinta (Ragusa); Renato Mancuso (Enna); Cesare Ferrari (Trapani).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati