Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
coronavirus ambulatori

Studi medici ambulatori

Il testo della lettera

Medici obbligati a lavorare in attesa del tampone, la storia di Renata: “Ero positiva!”

Storia di mille storie simili a quella raccontata in una lettera inviata a "medicalfacts" dalla dottoressa Renata Gili

Tempo di lettura: 3 minuti

La lettera della Dottoressa Renata Gili inviata al prof. Roberto Burioni, pubblicata su Medicalfacts (leggi qui) e da lui letta nel corso della trasmissione televisiva “Che tempo che fa”, racconta una storia che, purtroppo, è sovrapponibile a tante altre simili e che riguardano medici, infermieri, operatori sanitaria che, da nord a sud, nonostate il serio sospetto di poter essere state contagiate dal coronavirus, non hanno ottenuto il permesso per non andare a lavoro, esponendo al rischio contagio pazienti e colleghi di lavoro. Qui di seguito il testo integrale della lettera. (Scrivi a [email protected] se anche tu hai una storia da raccontare)

Caro Professore,
Le scrivo per raccontarle la mia incredibile storia clinica e lavorativa. Il 9 marzo sera ho avuto i primi sintomi, febbricola e mal di gola, seguiti da tosse e perdita del gusto e dell’olfatto. Dall’Asl dove faccio guardia medica mi hanno dato l’ok per tornare a lavorare appena passata la febbre: quindi avrei potuto riprendere il 12 marzo, secondo loro.

Visti i sintomi molto tipici ho, però, deciso autonomamente di fare mille cambi di turno e autoisolarmi per 14 giorni. Non hanno voluto farmi il tampone subito, io ho insistito, dicendo che la sintomatologia era molto tipica e si sono decisi a farmelo solo il 20 marzo, ovviamente positivo. Visto che l’esito del tampone sarebbe arrivato il 24, ho chiesto se potevo rimanere a casa il 23 marzo – in quel giorno avevo un turno – ma non mi sono arrivate disposizioni ufficiali di isolamento, nonostante fossi in attesa di esito tampone.

Quindi, quel turno non l’ho potuto in nessun modo evitare e l’ho fatto. Era in centrale operativa e ho condiviso con tre colleghi una stanza chiusa per 12 ore. Avevo mascherina, ma non vuol dire molto. Così, adesso, tre miei colleghi sono stati a contatto con un COVID positivo e, nonostante la mia segnalazione immediata, probabilmente continueranno a lavorare per la lentezza delle indagini di sorveglianza.

La cosa grave è che se non mi fossi auto-isolata dal 12 marzo in poi avrei normalmente lavorato e avrei messo a rischio di infezione decine di persone (quasi tutti anziani e malati cronici, visto che sono questi che per lo più chiamano la guardia medica).

So di tantissimi colleghi, di diverse Asl, che sono andati a lavorare nonostante la comparsa di sintomatologia, magari subito il giorno dopo la scomparsa della febbre, su indicazione dei servizi di igiene o della medicina del lavoro. Il paradosso, infatti, consiste in questo: per farti stare a casa o per decidere di farti il tampone, devi avere avuto un contatto con un caso di COVID-19 accertato, altrimenti sostengono che sia influenza. Ma come si può sapere se uno ha avuto un contatto con un caso di COVID-19 accertato, se sul territorio praticamente il tampone non lo si fa a nessuno? Chissà quanti medici e infermieri sono positivi e stanno infettando mezzo mondo. – F.to Renata Gili

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati