Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

L'Accordo collettivo

Medici fiscali, raggiunta l’intesa tra sindacati e Inps

«Dopo ben 30 anni sono stati riconosciuti i diritti alla categoria», afferma Piera Mattioli, Responsabile Nazionale per i medici fiscali del Sindacato Medici Italiani.

Tempo di lettura: 2 minuti

«Dopo trent’anni, finalmente è stato raggiunto un accordo tra i sindacati e l’INPS per medici fiscali. L’epilogo è arrivato dopo decreti, leggi e false partenze: finalmente, dopo molti anni di lotte, sono stati riconosciuti i diritti alla categoria». Lo afferma Piera Mattioli, Responsabile Nazionale per i medici fiscali del Sindacato Medici Italiani, sull’Accordo Collettivo Nazionale per la medicina fiscale.

«Per trent’anni siamo stati dei precari della medicina, senza tutele, senza nessun riconoscimento, con i compensi legati alle visite fiscali effettuate- aggiunge- L’accordo prevede l’istaurazione della convenzione tra la categoria e la parte pubblica. I medici fiscali erano gli unici professionisti della medicina a non avere una convenzione; questo rappresentava una grossa anomalia nei rapporti contrattuali. L’accordo stabilisce, inoltre, un punto fermo sulle incompatibilità, garantisce le tutele sindacali, il diritto di sciopero, la previdenza Enpam, assicurazioni infortuni, le ferie e la malattia».

Inoltre, Mattioli sottolinea: «In questi giorni abbiamo volto un nostro pensiero ai tutti i medici fiscali del nostro Paese che in questi anni, dal 1983, sono riusciti con il loro ruolo di deterrenza e d’impegno sul territorio, a ridurre prima e tenere sotto controllo poi un assenteismo da lavoro che aveva raggiunto record storici, per riportarlo in linea con i valori degli altri paesi europei. Siamo certi che la convenzione possa entrare in vigore al più presto e che da oggi si possa stabilire con l’ INPS un rapporto di stabile collaborazione. Vorremmo ringraziare tutti gli attori di questa complessa vicenda a partire dai colleghi medici, ai sindacati della categoria, fino alla dirigenza INPS».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche