Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
fimmg luigi galvano

Sanità privata

Coronavirus

Medici di famiglia in rivolta: «Non stamperemo i green pass»

Il segretario regionale Luigi Galvano: «Sottrae altro tempo all'assistenza dei pazienti e mortifica la nostra professionalità».

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. Arriva anche dalla Fimmg Sicilia (Federazione italiana dei medici di medicina generale) la “sonora bocciatura” al green pass Covid da stampare negli ambulatori dei medici di famiglia decisa dal governo Draghi e «soprattutto- come ha detto Silvestro Scotti, segretario generale della Fimmg- di qualche funzionario governativo che comprime ancor più il diritto alla salute dei cittadini». «È persino imbarazzante- ha esordito il segretario regionale della Fimmg Luigi Galvano (nella foto di Insanitas), stigmatizzando l’onere di stampare il documento- È come tornare alle origini del malessere diffuso dei medici di famiglia. Una richiesta che ferisce e che arriva dopo l’ennesimo tentativo di trasformare in tecnici informatici e amministrativi i nostri medici, soprattutto in Sicilia».

«La misura è stata superata– ha detto Galvano rilanciando le dichiarazioni di Scotti- Sottrae altro tempo all’assistenza dei pazienti e mortifica la professionalità dei medici». «Non accetteremo- ha detto il segretario nazionale- una visione della medicina generale di carattere ‘impiegatizio, una medicina generale che si vorrebbe costringere a sottrarre altro tempo all’assistenza dei pazienti per adempiere a funzioni amministrative che nulla hanno a che fare con la pratica medica». Un compito, ha proseguito, che andrebbe anche a gravare «un’attività di studio già molto complessa per la gestione ordinaria del virus e la necessaria presa in carico delle cronicità che, forse qualcuno lo dimentica, è determinante in termini di salute».

«Se vi fosse stato un dialogo– ha continuato Scotti- avremmo almeno potuto spiegare che un compito simile non può essere demandato neanche ad un collaboratore di studio, ove presente, perché questo costringerebbe il medico ad un abuso, cedendo le proprie password del sistema prescrittivo e certificativo al quale, ricordiamo, bisognerà accedere per rilasciare il green pass».

La segreteria nazionale della Fimmg si riunirà in maniera permanente per elaborare una proposta di cambiamento relativa alla medicina generale. «Il medico di famiglia che dovrà fare? Dovrà prenotare gli accessi dei pazienti per la stampa del codice green pass reso ope legis un atto medico e ritardare l’accesso ai pazienti per problemi assistenziali? Ridicolo. Non ha senso. A meno che- secondo la Federazione- non ci sia la volontà di attuare un progetto che continui a passare alla popolazione il messaggio di inefficacia di questo servizio, ancora oggi tra i più graditi del Ssn, per favorire progetti di finta dipendenza o di accreditamento che favoriscano una privatizzazione del servizio di cure primarie con annessi e connessi». E avverte: «Si apra ora un confronto aperto e pubblico sul tema delle cure territoriali e sul ruolo della medicina generale sugli investimenti e le prospettive di sviluppo. In alternativa saremo pronti a passare dalle proposte alla protesta».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati