Dal palazzo

L'iniziativa a Catania

Malattie infettive e nuove epidemie, il resoconto di MedCom Forum in Sanità

Le interviste video di Insanitas in occasione del convegno "Quali modelli organizzativi per le malattie infettive nell'area Mediterranea: la Sicilia come Hub".

Tempo di lettura: 5 minuti

Le malattie infettive non conoscono frontiere. Questo l’argomento affrontato a Catania, nell’Auditorium dell’ex Monastero dei Benedettini, al convegno MedCom Forum in Sanità dal titolo “Quali modelli organizzativi per le malattie infettive nell’area Mediterranea: la Sicilia come Hub”, organizzato da CerpMed (Centro Studi e Ricerche sulle Relazioni Pubbliche nel Mediterraneo) con il patrocinio di Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità, Regione Siciliana, Università degli Studi di Catania, Federsanità, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, SITA, Società Italiana di Microbiologia, Medici Senza Frontiere, CEFPAS, NCDC Lybia, ARNAS Garibaldi, Comunicazione Pubblica; e con il contributo incondizionato di Gilead Sciences, Menarini e Eht.

Il Convegno, che ha visto la partecipazione di personalità nazionali e internazionali, della Sanità e della Politica, ha puntato i riflettori sulla gestione delle malattie infettive nell’area del mediterraneo, analizzando con attenzione gli approcci dei singoli stati e proponendo l’introduzione di nuovi percorsi condivisi.

L’apertura dei lavori è stata preceduta dai saluti dal Presidente della Regione siciliana Renato Schifani, il quale ha ricordato l’importanza strategica del confronto e del dibattito nella lotta alle malattie infettive. “L’emergenza Covid, che ha colpito l’intera comunità internazionale- ha detto Schifani- ci ha portato a riflettere molto sulla pericolosità delle malattie infettive per l’uomo. Ben venga, quindi, questo prestigioso Forum capace di attivare uno scambio proficuo di idee e proposte per giungere a modelli organizzativi idonei ad affrontare con efficacia le emergenze nell’area del mediterraneo”.

A dare il saluto ai numerosi ospiti intervenuti è stata Amanda Jane Succi, Presidente di Cerpmed, accompagnata dal Presidente del Comitato scientifico MedCom in Sanità, Francesco Santocono, ai quali si sono succeduti quelli di Kheit Abdelhafid, presidente delle comunità islamiche di Sicilia, di Girolamo Guarneri, Responsabile Servizio Dasoe della Regione Siciliana.

Per l’area mediterranea sono intervenuti: Mohamad Fawzy El Nahif del Ministero della Salute Egiziano; Haider Muftah Salem El Saeh, Direttore Generale NCDC, Libia; Mira Al-Amer, Direttore Sanitario Malattie Infettive della Giordania; Abdulmenem Alkmashe, Direttore Ufficio Cooperazione Tecnica NCDC, Libia; Madonna Mattar, Presidente della Società Malattie Infettive del Ministero della Salute del Libano; Mohammad Al-Ma’ayteh, Direttore Dipartimento Laboratori JCDC Jordan Center for Disease Control, Giordania; Orlando Armignacco, Direttore Sanitario Ospedale “Nostra Signora del Buon Consiglio” di Tirana, Albania; Leila Bouabid del Ministero della Salute della Tunisia; Najy Alsayed, Global Therapeutic Area Head Menarini Group; Ahmed Alaruusi del Dipartimento Emergenza Salute Pubblica NCDC, Libia.

“La presenza di molti relatori internazionali- ha detto la dott.ssa Succi- dimostra il grande interesse che ruota attorno agli argomenti trattati in questo convegno. Ovviamente, adesso occorre lavorare insieme per costruire un programma di condivisione che possa durare nel tempo”.

A concludere i lavori, dopo l’intervento istituzionale del Rettore dell’Università di Catania, Francesco Priolo, è intervenuto il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, che ha voluto sottolineare l’importanza della collaborazione e dell’universalità della copertura sanitaria. “La maggior parte dei problemi relativi alla salute- ha concluso il Ministro- è di natura globale e richiede una soluzione globale. Al recente G7 in Giappone abbiamo condiviso un documento che va in questa direzione. Occorre tenere alta l’attenzione con un approccio sistematico, soprattutto rispetto alle malattie infettive, per le quali serve sostenere la ricerca con finanziamenti adeguati”.

Di altissimo valore i contenuti dei numerosi contributi proposti dai relatori, i quali continueranno a lavorare per gli obiettivi condivisi. Tra questi quelli di: Ranieri Guerra, Direttore Relazioni Internazionali Accademia Nazionale di Medicina; Tiziana Frittelli, Presidente Federsanità Anci; Anna Teresa Palamara, Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore Sanità; Walter Ricciardi, Ordinario di Igiene presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore (Roma); Claudio Pulvirenti, Direttore USMAF SASN Sicilia Ministero della Salute; Claudio Mastroianni, Presidente della Società Italiana Malattie Infettive; Chiara Montaldo, Head of Medical Unit Medici Senza Frontiere MSF Italia; Stefania Stefani, Presidente Società Italiana di Microbiologia (SIM); Marco Magheri, Segretario Generale Comunicazione Pubblica;

Sono intervenuti pure Bruno Cacopardo, Direttore Malattie Infettive ARNAS Garibaldi di Catania, Fabrizio De Nicola, Commissario Straordinario Arnas Garibaldi; Salvatore Giuffrida, Commissario Straordinario Ospedale Cannizzaro di Catania; Carmelo Iacobello, Direttore UOC di Malattie Infettive Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania; Arturo Montineri, Direttore UOC Malattie Infettive San Marco Catania, Giuseppe Nunnari, Presidente Regionale SIMIT Sicilia; Fabrizio Pulvirenti, Direttore UOC di Malattie infettive Ospedale di Gela; Matteo Bassetti, Presidente Sita Società Italiana di Terapia Antinfettiva Antibatterica Antivirale Antifungina;

Ed ancora: Antonio Cascio Direttore UOC Malattie Infettive, AOU Policlinico “P. Giaccone” di Palermo; Antonio Craxì, Professore Ordinario di Gastroenterologia e già Direttore A. Ospedaliera Universitaria Policlinico “Paolo Giaccone” Palermo; Roberto Sanfilippo, Direttore Generale CEFPAS Regione Siciliana; Eleonora Indorato, Dirigente Scuola di Medicina generale CEFPAS; Frederico Da Silva, General Manager Gilead Sciences, Giovanni Distefano, Pubbliche relazioni Eht; Giuseppe Laccoto, Presidente della Commissione Sanità dell’Ars; Giovanni Burtone, componente della Commissione sanità della regione siciliana.

Spazio pure per un intervento di Medicina Veterinaria con Anna Maria Fausta Marino (Direttore Area CT – IZS Sicilia): «L’auspicato modello organizzativo per le malattie infettive nell’area Mediterranea non potrà prescindere dalla logica One Health fondata sulla collaborazione internazionale e interprofessionale- ha detto- L’esperienza delle recenti emergenze sanitarie ci ha insegnato che salute umana, animale ed ambientale sono strettamente interconnesse e pertanto i professionisti che operano per garantirle, devono esserlo parimenti. L’organizzazione del sistema sanitario italiano che prevede il coordinamento sia di medici e personale sanitario che di veterinari dal Ministero della Salute, favorisce questa integrazione e pertanto può rappresentare un modello virtuoso da esportare anche ad altri Paesi dell’area del Mediterraneo che invece hanno assegnato il coordinamento dei veterinari alle autorità nazionali impegnate per l’agricoltura. Le costanti genotipizzazioni degli agenti patogeni isolati in corso di malattia e la loro custodia in seno alle biobanche territoriali potranno favorire il buon esito delle indagini epidemiologiche e la ricerca scientifica degli infettivologi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche