Malattie da stress cronico, all’ospedale Papardo un ambulatorio dedicato

7 Novembre 2019

Insanitas ha intervistato la responsabile Vittoria Saraceno, medico anestesista- rianimatore presso l’UOC di Anestesia Rianimazione.

 

di

MESSINA. La PNEI è la scienza che studia gli effetti degli stressor (che non sono solo di natura emozionale) sul sistema immunitario e, dunque, l’iperattivazione dei sistemi dello stress e le conseguenze dello stress cronico sul nostro stato di salute.

Nasce nella seconda metà degli anni ottanta, a seguito della scoperta delle meccaniche di azione della cellula immunitaria (es. linfocita, macrofago, o cellula NK), che produce peptidi neuroendrocrini ( es. TSH, endorfine, catecolamine, encefaline etc) e presenta nella sua superficie recettori per i neurotrasmettitori del sistema nervoso centrale, per gli ormoni prodotti dal sistema endocrino e recettori per i neuropeptidi prodotti dal sistema gastrointestinale.

In Sicilia esiste una struttura dedicata. Si tratta di una realtà assistenziale sanitaria pubblica, unica nella nostra Regione, ovvero l’ambulatorio di PNEI del Papardo – varato il 4 Luglio del 2018 – attraverso un progetto pilota ( “Progetto Vita”), grazie a cui si è potuta avviare un’esperienza, per ora interaziendale, sostenuta dall’attuale direttore generale Mario Paino, e iniziata già con l’amministrazione precedente. Oggi rappresenta un punto fortemente innovativo dell’Azienda messinese.

Insanitas ha intervistato la responsabile dell’ambulatorio PNEI, Vittoria Saraceno, medico anestesista- rianimatore presso l’UOC di Anestesia Rianimazione diretta da Tanino Sutera.

Vittoria Saraceno

È corretto affermare che secondo la PNEI non è più il cervello a “comandare” sugli altri organi, ma il sistema immunitario?

«Sì. La PNEI, infatti, studia l’organismo umano nella sua complessità, cioè non secondo una visione frammentata in comparti stagni, ma secondo una rete integrata, dove i sistemi psichici e biologici, principalmente, l‘SNC (Sistema Nervoso Centrale/ Cervello), l’SNA (Sistema nervoso autonomo), sistema immunitario, endocrino e gastrointestinale si condizionano reciprocamente, comunicando tra di loro in modo bidirezionale, attraverso un linguaggio chiaro a tutta la rete, microbiota incluso (integrato nell’asse intestino-cervello)».

Questo approccio come cambia la visione della salute?

«Non possiamo restare confinati ad un modello di salute meccanicistico che riduce la complessità dell’organismo a determinanti semplici ( riduzionismo molecolare per spiegare un fenomeno complesso), ma dobbiamo abbracciare un modello sistemico rispettoso di tutto l’organismo nella sua interezza».

Il vostro ambulatorio cosa offre all’utenza?

«Prevenzione, diagnosi e cure integrate PNEI delle malattie legate allo stress cronico, per consentire ai pazienti di ripristinare o di preservare e mantenere l’equilibrio psico-neuro-endocrino-immunitario dell’organismo, attraverso una terapia integrata e sistemica low dose (somministrazione di una terapia sistemica con medicine in micro e nanogrammi /ovvero microimmunoterapia) di regolazione del network PNEI. Oltre a tecniche di gestione dello stress (Yoga, Training Autogeno Respiratorio e Mindfulness Basic Stress Reduction)».

Sono numerose le correlazioni tra stress cronico e malattie…

«Le malattie cardiovascolari (infarto, ictus, ipertensione arteriosa), quelle infiammatorie intestinali ( morbo di Crohn, Rettocolite ulcerosa, sindrome del colon irritabile e reflusso gastroesofageo), le patologie autoimmunitarie (Tiroidite di Hashimoto, Artride reumatoide, Celiachia, Lupus eritematoso sistemico). Ancora, la sindrome metabolica e la fibromialgia, in cui si riscontra una iperattivazione dell’asse dello stress. Così alcune malattie della pelle (Psoriasi e Vitiligine etc. ). Nel nostro ambulatorio vengono trattati, con un approccio integrato, anche i disturbi del sonno, dell’umore e del comportamento alimentare (es. Beging Eating Disorder)».

Lo stress come può essere definito?

«Risposta di adattamento (allostatica) di un organismo ad eventi perturbanti di varia natura (stressor), che rappresentano una minaccia, reale o presunta, alla sua integrità e al suo benessere psico-fisico. L’organismo sotto stress non si sforza di mantenere costanti i parametri vitali ai loro valori “normali” di equilibrio (omeostasi), ma opera un’ampia gamma di modificazioni fisiologiche e comportamentali, per ottenere le migliori condizioni, al fine di affrontare le minacce, o le sfide provenienti dall’ambiente interno o esterno. In ambulatorio misuriamo il carico allostatico, poichè quando è elevato comporta l’insorgenza di malattie ( ad es. uno stressor di natura psichica – che viene elaborato a livello cognitivo – si trasforma in una segnalazione chimica, mediante i neurotrasmettitori (ormoni e citochine infiammatorie) e da vita ad una “ pioggia” acida infiammatoria sull’organismo».

Come si misura lo stress cronico?

«Attraverso psicomarkers, lifemarkers biomarkers (dosaggi su sangue, urine, saliva). Strumento fondamentale è anche la misurazione della variabilità della FC».

In sostanza attraverso la PNEI cosa ripristinate?

«L’asse neuroendicrino immunitario, in particolare, e l’integrità dell’asse intestino – cervello, garantendo il riequilibrio della bilancia immunitaria TH1 e TH2 e assicurando l’acquisizione progressiva da parte del paziente di uno stile di vita in grado di consentirgli la gestione dello stress, anche puntando su un’alimentazione antiflogistica ed antitossica insieme ad attività fisica e ad igiene del sonno. Uno dei cardini della nostra terapia è la nutraceutica, che considera l’azione benefica e curativa degli alimenti sulla salute umana».

COME ACCEDERE ALL’AMBULATORIO PNEI DEL PAPARDO

Attraverso l’impegnativa del medico di medicina generale, prenotando, mediante il numero verde 800332277 del CUP. Per richiedere informazioni rivolgersi al numero. 344.2737918.

L’ambulatorio impegna un equipe multidisciplinare: Responsabile: dott.ssa Vittoria Saraceno (esperta di PNEI e di medicina sistemica fisiologica di regolazione e del trattamento dei disturbi dell’alimentazione). Dr. Giovanni Zaccone (esperto di tecniche di gestione dello Stress). Dr. Carlo Casile (endocrinologo). Dott.ssa Luisa Baldini (medico patologo clinico, esperta di immuno-ematologia e di agopuntura). Oltre al supporto del laboratorio di analisi dell’Azienda Papardo, diretto dal dr. Giuseppe Falliti.

In programmazione anche il coinvolgimento di figure professionali quali psicologi, psicoterapeuti, nutrizionisti e osteopati.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV