Policlinici

Cardiologia Interventistica

Malattie cardiovascolari, nuovi finanziamenti al Policlinico di Messina

Linee di ricerca indipendenti i cui fondi sono stati ottenuti in parallelo per studi con in prima linea il Prof. Antonio Micari e il Prof. Francesco Costa

Tempo di lettura: 3 minuti

Studiare in maniera sempre più approfondita gli effetti delle malattie cardiache per offrire ai pazienti più fragili trattamenti specifici. La cardiologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “G. Martino”, diretta dal Prof. Gianluca Di Bella e dal Prof. Antonio Micari, è destinataria di due nuovi finanziamenti legati a Progetti di Ricerca di interesse nazionale (PRIN).

Si tratta di linee di ricerca indipendenti, ma i cui fondi sono stati ottenuti in parallelo per studi che vedono impegnati in prima linea il prof. Antonio Micari e il prof. Francesco Costa, ricercatore universitario e dirigente medico dell’equipe di Cardiologia.

Il progetto del Prof. Micari ha come oggetto “Diagnosi nella cura della malattia coronarica in pazienti con disfunzione erettile” per il quale è stata stanziata la somma di circa 300 mila euro; questo progetto è di importanza fondamentale in quanto la disfunzione erettile rappresenta un fattore di rischio “sommerso” di malattia cardiovascolare, spesso trascurato per motivi socio-culturali.

Il progetto del Prof. Costa è volto invece a identificare i meccanismi dell’infarto miocardico periprocedurale durante l’angioplastica coronarica ed è stato finanziato per un importo di 236.872 mila euro. L’obiettivo dello studio curato dal Prof. Costa è quello di approfondire l’impatto dell’infarto periprocedurale, una comune complicanza in corso di angioplastica coronarica elettiva, il cui impatto prognostico in atto è scarsamente studiato.

Si tratta in entrambi casi di progetti innovativi che si inseriscono nell’ambito di un’intensa attività di ricerca ed assistenza che nell’ultimo anno, anche grazie ad ulteriori fondi di Ricerca Finalizzata ottenuti dal Ministero della Salute, ha permesso di effettuare analisi specifiche su pazienti cardiopatici ad alto rischio di sanguinamento. Grazie alla creazione di un ambulatorio di medicina di precisione, infatti, in questi mesi è stato possibile offrire trattamenti mirati in base al grado di rischio e studiare la reattività piastrinica.

Ed è proprio su tale fronte che l’azienda ospedaliera universitaria di Messina è capofila di uno studio clinico randomizzato, coordinato dal Prof. Costa e Prof. Micari, a cui stanno partecipando anche altri sei centri italiani, l’Ospedale Mauriziano di Torino, l’Ospedale Niguarda di Milano, l’Ospedale di Rivoli, l’Ospedale di Cotignola ed il Policlinico di Catania.

«Questi risultati- ha detto il Manager dell’AOU  Giorgio Giulio Santonocito– sono la dimostrazione di quanto le competenze di un’azienda ospedaliera universitaria che fa anche ricerca possano contribuire a migliorare i percorsi assistenziali, favorendo un approccio clinico che tiene conto delle caratteristiche del paziente e delle sue fragilità”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche