Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

L'approfondimento

Malattia di Crohn, cause ancora sconosciute ma cure sempre più efficaci

L'intervista video di Insanitas al dottore Ambrogio Orlando, direttore del Centro di Riferimento Regionale per la diagnosi e cura delle MICI (Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali) che si trova all'ospedale "Cervello" di Palermo.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Definita come una infiammazione cronica intestinale, la malattia di Crohn può colpire anche tutto il tratto gastrointestinale dalla bocca all’ano. In circa il 90% dei casi, interessa maggiormente l’ultima parte dell’intestino tenue (ileo) e il colon e, se non curata adeguatamente, può portare a complicanze quali stenosi o fistole che possono richiedere un intervento chirurgico. Le cause sono ancora sconosciute ma il progresso nei trattamenti avanza e la cura diventa sempre più mirata ed efficace. All’Ospedale “Cervello” di Palermo vi è il Centro di Riferimento Regionale per la diagnosi e cura delle MICI (Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali), diretto dal dottore Ambrogio Orlando che ha parlato con Insanitas (clicca qui per l’intervista video) del modo in cui si caratterizza la mattia di Crohn e dei trattamenti innovativi attualmente disponibili.

«Coordino la Rete Assistenziale sulle MICI nata nel 2013 per decreto dell’assessore alla Salute della Regione Siciliana con l’obiettivo di monitorare i trattamenti con farmaci biologici per valutarne la loro appropriatezza descrittiva e anche il rapporto tra costi ed efficacia di questi farmaci. Piano piano questa Rete è diventata una realtà con 16 Centri di cui 10 Hub e 6 Spoke. Questo del “Cervello” è il centro coordinatore SuperHub», spiega Orlando.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati